Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconNews
line break icon

Lo Utah impone l’anestesia prima dell’aborto tardivo per lenire il dolore del bambino

Fresnel

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 09/05/16

20 settimane è il periodo nel quale secondo la maggior parte delle prove scientifiche i bambini non nati possono provare un intenso dolore, anche se alcune ricerche indicano che questo può accadere anche prima. Già dalla 18ma settimana, infatti, un bambino nel grembo materno punto con un ago rilascia ormoni dello stress, come fanno gli adulti quando sperimentano il dolore. I livelli di ormoni in quei bambini diminuiscono quando vengono fornite sostanze per lenire il dolore.

Primo passo verso l’abolizione dell’aborto?

Il senatore dello Utah Curt Bramble, che ha promosso il provvedimento, ha affermato che lo Utah protegge i condannati a morte e gli animali da una morte dolorosa e dovrebbe quindi fare lo stesso per i bambini che vengono abortiti.

In precedenza, Bramble aveva affermato che se fosse stato per lui avrebbe bandito del tutto l’aborto, ma che questo provvedimento è comunque un passo in quella direzione.

“La santità della vita, la difesa di chi non ha voce – ecco di cosa parla questo provvedimento”, ha dichiarato. “Penso che sia chiaro il messaggio per cui l’aborto è un abominio”.

Ogni anno negli Stati Uniti vengono effettuati oltre 18.000 aborti “molto tardivi” su bambini perfettamente sani.

Pareri discordanti

Divise le posizioni sul provvedimento, anche tra i pro-vita, alcuni dei quali ritengono che rendere l’aborto più “umano” e “accettabile” fa perdere di vista la questione principale, visto che un omicidio senza dolore ha comunque come conseguenza la morte, mentre altri pro-life sostengono che finché l’aborto è legale al bambino dovrebbe essere risparmiato un dolore superfluo.

Quanto ai sanitari, molti medici nello Utah e nel resto del Paese temono che il provvedimento possa aumentare i rischi per la salute delle donne, somministrando loro una sedazione pesante superflua (CBS, 28 marzo).

David Turok, del dipartimento di Ostetricia e Ginecologia dell’Università dello Utah, ha affermato che il provvedimento si potrebbe applicare anche alle donne a cui è ormai scaduto il termine di gravidanza e alle quali viene indotto il travaglio o che hanno un problema come la preeclampsia, che fa sì che sia più sicuro far nascere il bambino in anticipo. Queste procedure, ha osservato, potrebbero ora richiedere un’anestesia, ma “non si danno mai questi farmaci se non è necessario”.

Planned Parenthood Utah si è opposta alla legge, sostenendo che inserirebbe un’opinione politica in una “decisione medica privata della donna” e mettendo in discussione le ben solide prove del fatto che i bambini possano provare dolore a quello stadio.

La dottoressa Anne Davis, direttore medico di Physicians for Reproductive Health, ha affermato dal canto suo di credere che nessun medico dotato di un’etica somministrerà farmaci potenti a una paziente se possono nuocere alla sua salute.

“Immaginate che io mi sieda con una paziente e le dica cosa si può aspettare e come mi prenderò cura di lei e a un certo punto dica: ‘Oh, a proposito, lo Stato mi ha detto che devo darle questo’, lei chiede: ‘Cosa?’, e io dico: ‘Non ci sono benefici per lei, ma ci saranno ulteriori rischi’” (CNN, 29 marzo).

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
abortobioetica

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni