Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 30 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Lo Utah impone l’anestesia prima dell’aborto tardivo per lenire il dolore del bambino

Fresnel

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 09/05/16

Se si anestetizzano i condannati a morte, perché non anche i bimbi condannati ad essere uccisi?

“Negli Stati Uniti per fortuna c’è ancora chi ritiene l’aborto una vera e propria condanna a morte. E poiché ormai la pena capitale si somministra con una sedazione – per un senso di pietas verso il condannato, benché colpevole –, non si vede perché non si dovrebbe usare la stessa attenzione anche nei confronti di un bambino innocente nella pancia della mamma” (Notizie pro-vita, 1° aprile).

In questo contesto, lo Utah è il primo Stato degli Stati Uniti ad approvare una legge che obbliga ad anestetizzare i bambini uccisi con l’aborto dopo la ventesima settimana. In precedenza, alle donne veniva data la possibilità di scegliere se sottoporsi all’anestesia o meno (Terra, 29 marzo).

Il governatore dello Utah, Gary Herbert, pro-vita, ha firmato il 28 marzo una nuova legge che richiede che le cliniche abortive anestetizzino i bambini vittime di aborto tardivo prima che vengano abortiti. Si tratta del primo Stato americano a esigere che i medici realizzino un’anestesia di questo tipo.

La legge “eliminerà o allevierà il dolore organico per il bambino non nato”, e include eccezioni nel caso in cui sia a rischio la vita della madre o se il bambino non sopravvivrebbe al di fuori dell’utero.

“Il governatore è fortemente pro-vita” e crede nel “minimizzare qualsiasi dolore possa essere provocato a un bambino non nato”, ha affermato un suo portavoce in una dichiarazione (Life News, 29 marzo).

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
abortobioetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni