Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

La Chiesa ammette l’aborto nel caso di bambini malformati?

shutterstock_339281588

VGstockstudio/Shutterstock

Toscana Oggi - pubblicato il 09/05/16

Una malformazione o un altro handicap congenito non tolgono loro dignità e diritti, a meno che non basiamo il diritto alla vita e al rispetto sulle prestazioni e la produttività potenziale di una persona. Certamente la scoperta di un difetto nello sviluppo psicofisico nel proprio bambino può gettare una coppia di genitori nella angoscia più grande, in previsione sia dei disagi e delle sofferenze causate a lui dalla sua patologia, sia delle difficoltà che incontrerà per trovare un posto in società come le nostre, fortemente competitive e ostili verso i perdenti.

La «cultura dello scarto» – per usare una espressione del Santo Padre – li emargina fin dall’inizio e l’aborto eugenetico è lo strumento legale per eliminare il problema alla radice, in modo precoce, silenzioso e pulito. L’ipocrisia dei proclami sulla accoglienza e la stima per le persone Down, per esempio, è sbugiardata dal dato che da noi  l’80% dei bimbi Down vengono abortiti e che alcuni esami mirati vengono messi in atto in modo sistematico per individuare proprio questo difetto cromosomico. Accolti a parole, braccati ed eliminati nei fatti.

Il problema non sono le diagnosi prenatali in se stesse: conoscere per tempo lo stato di salute di un nascituro permette di predisporre, quando possibile e indicato, terapie adeguate, anche prenatali, o, comunque di preparasi psicologicamente ad una accoglienza che può essere delicata e persino combattuta. Il problema è la mentalità efficientista e discriminatoria che si è insinuata nelle società occidentali, nel mondo della medicina e, infine, nelle famiglie per cui una diagnosi indesiderata diventa con facilità l’anticamera dell’aborto.

Nell’antilingua che nasconde la verità delle cose, questi aborti vengono spesso definiti terapeutici, ma è evidente che non sono per niente terapeutici perché non curano nessuno ed eliminano, invece, creature deboli e prive di difese. Sono aborti eugenetici, destinati a migliorare le qualità psicofisiche della popolazione e a soddisfare l’attesa di avere un figlio perfetto: eu, infatti, significa buono e ghenos significa stirpe.

La legge italiana ammette l’aborto eugenetico nel primo trimestre citando esplicitamente all’art. 4, fra i motivi che autorizzano l’aborto, «previsioni di anomalie o malformazioni del concepito». Dopo il primo trimestre, la legge non permette l’aborto a motivo di patologie del feto, con l’eccezione – un po’ ambigua – di rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro che determinino un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna. La illiceità dell’aborto eugenetico dopo il 90 giorno è stata confermata dalla Cassazione con una sentenza del luglio 2004 e ribadita con una sentenza del luglio 2006.  Queste disposizioni se, da una parte, mostrano un barlume di rispetto per la vita nascente, dall’altro mettono a nudo l’ingiustizia dell’aborto eugenetico anche nel primo trimestre: che differenza c’è, nel diritto al rispetto e alla vita, fra un feto Down di due mesi e mezzo e un feto Down di  6 mesi o un neonato Down di una settimana?

Papa Francesco, in occasione dell’anno santo della misericordia, ha voluto concedere a tutti i sacerdoti, senza distinzioni, la facoltà di sciogliere dalla scomunica e assolvere le donne che hanno abortito e coloro che hanno cooperato all’aborto. Questo gesto misericordioso è una mano tesa a chi ha sbagliato e un invito alla riflessione e al pentimento. In questa occasione il Papa ha definito l’aborto un «dramma» e «uno dei gravi problemi del nostro tempo», «vissuto da alcuni con una consapevolezza superficiale, quasi non rendendosi conto del gravissimo male che un simile atto comporta. Molti altri, invece, pur vivendo questo momento come una sconfitta, ritengono di non avere altra strada da percorrere».

Riprendendo alcune espressioni di san Giovanni Paolo II in Evangelium vitae, papa Francesco afferma: «Ciò che è avvenuto è profondamente ingiusto; eppure, solo il comprenderlo nella sua verità può consentire di non perdere la speranza». E rivolgendosi ai sacerdoti, conclude: «I sacerdoti si preparino a questo grande compito sapendo coniugare parole di genuina accoglienza con una riflessione che aiuti a comprendere il peccato commesso e indicare un percorso di conversione autentica per giungere a cogliere il vero e generoso perdono del Padre che tutto rinnova con la Sua presenza».

Se questo giustifica l’aborto, sia pure di feti malformati, lo lascio giudicare alla gentile Lettrice.

  • 1
  • 2
Tags:
abortodisabilitàhandicap
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni