Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconArte e Viaggi
line break icon

“The Good Lie” è un film da vedere

Catholic Link - pubblicato il 06/05/16

3. La cultura del piacere

good lie

Paul è il fratello che ci fa innervosire. L’aspetto della cultura “americana” che ha più impatto su questo immigrato sudanese è la droga, in particolare la marijuana. Questo tema ricorre più volte, per tutto il film. Lui cade, ma poi si rialza. Grazie all’aiuto che ha ricevuto dai suoi fratelli. Questa situazione ci può portare a pensare: quanto mi lascio andare alle cose del mondo? Subisco pressioni esterne? È una cosa sbagliata? Ho qualcuno a cui appoggiarmi se ho bisogno di aiuto?


4. I tempi e i piani di Dio sono diversi dai nostri

tiempos

Senza dubbio il personaggio di Carrie è quello che ricopre un particolare ruolo nel film. Lei, una ragazza disordinata e disorganizzata che fa tutto a metà, è l’incaricata a cercare e aiutare 3 uomini arrivati dal Sudan. Tutto inizia con un semplice “Li aiuto a trovare lavoro”, per poi protendersi fino alla fine del film. È lei quella che cambia di più. Gli immigrati le insegnano gli aspetti essenziali della vita, aprendole occhi e cuore al resto del mondo.

D’altro lato i ragazzi erano sicuri di andare a Kansas City con la sorella, Abitail; ma appena arrivati negli Stati Uniti hanno scoperto che erano stati pensati altri piani per lei: Boston. Molte volte ci può accadere di pensare che le cose sarebbero dovute andare “in questo o in quel modo”, dimenticandoci che Dio ha un piano per ciascuno di noi e non possiamo intestardirci per quello che vogliamo noi.


5. L’immigrazione e l’attualità

pelicula

È incredibile come nel secondo decennio del XXI secolo l’uomo abbia ancora bisogno di sistemi per aiutare i rifugiati. Ma ciò che è ancora più impressionante è l’atteggiamento quasi collettivo che si ha davanti a questa esigenza: “Non è un problema mio”. Davvero non lo è? Non potrebbe forse toccarti ricevere oggi, e domani essere ricevuto? Fino a che punto è responsabilità di ciascuno di noi ospitare lo straniero?

È molto forte l’immagine di queste presone traumatizzate dalla guerra. Vittime dell’odio della gente del nord del Paese, i “bambini perduti del Sudan” possono servire come icona di tutti coloro che, fino al giorno d’oggi, hanno bisogno di asilo nel resto del mondo perché il proprio paese è in guerra.

Il film è così ricco di spunti che mi sono limitato a suggerirne solo alcuni. Tu che ne pensi? Di cos’altro si può discutere partendo da questo film? Lascia il tuo commento!

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

  • 1
  • 2
Tags:
amiciziafilmmisericordiasudan
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni