Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconSpiritualità
line break icon

Quel dubbio su Dio che ti paralizza

© DR

padre Carlos Padilla - pubblicato il 05/05/16

Gli dico di sì, ma quando la malattia colpisce la mia carne voglio un miracolo: mi manca la fede

So che se confido di più in Dio non avrò tante paure nel cuore. So che Gesù non vuole che il mio cuore tremi davanti alle avversità della vita: “Il vostro cuore non sia turbato e non abbia timore”.

Non vuole che io abbia timore, ma spesso succede. Smetto di fare le cose per paura. Dubito, mi trattengo. Voglio continuare a credere, ma dubito.

Sento che a volte il mio cuore trema davanti alle difficoltà. Trema e si fa prendere dal timore. Non confido in quell’amore infinito che mi sostiene.

Forse è perché voglio controllare la vita e non ci riesco. Dico di sì a Dio, ma quando la malattia colpisce la mia carne voglio un miracolo, desidero un cambio di direzione, un nuovo cammino, una soluzione che mi dia una pace nuova.

Chiedo a Dio dei miracoli. Non gli chiedo la forza per sopportare la malattia. Non gli chiedo pace nella sofferenza. Gli chiedo di togliermi la croce, di allontanare la sofferenza, di porre fine al mio dolore.

Sì, mi manca la fede. Voglio chiedergli di vivere con me la mia croce, di rimanere dandomi la mano in mezzo al mio dolore. Pronunciando parole d’amore perché sappia sostenere il calice che devo bere. Mi manca la fede.

Leggevo giorni fa: “Credo che dipendiamo da Dio, che la sua volontà ci sostenga in ogni istante della nostra vita. Ma verificarlo ci fa paura. Nel più profondo di ciascuno di noi resta un piccolo dubbio persistente, un piccolo nodo di timore che ci rifiutiamo di affrontare o che non riconosciamo neanche, e che ci dice: ‘E se non fosse così?’ Ci fa paura abbandonarci totalmente nelle mani di Dio per paura che non ci sostenga quando cadiamo”.

  • 1
  • 2
Tags:
difficoltàdiodubbiofedegesù cristopaurapreghieratestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni