Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Come e perché stare da soli davanti all’Eucaristia?

Fr Lawrence Lew, O.P.-CC

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 05/05/16


Il fedele si può anche far aiutare da alcune pie devozioni che farà in silenzio e con l’atteggiamento che ritiene più conveniente senza infastidire gli altri fedeli che stanno svolgendo la propria ora di adorazione.

Queste devozioni possono essere leggere il Vangelo, soprattutto l’agonia del Signore, e poi meditare su quanto si è letto oppure recitare la Via Crucis, con momenti di meditazione, o ancora recitare i misteri dolorosi del Rosario accompagnati da qualche meditazione.

Quanto alle devozioni, si possono compiere indipendentemente dall’ordine, così come se ne possono seguire varie o una sola.

Leggendo il Vangelo, bisogna tener conto del fatto che il Signore di cui parla il testo sta davanti al fedele in adorazione.

La presenza del Signore nel Santissimo non va quindi mai dissociata dalla lettura che facciamo, né dal Rosario che recitiamo. Non deve accadere che da un lato ci sia la persona con la sua preghiera e dall’altro il Signore da solo.

Tornando al Vangelo, è assai raccomandabile la Lectio Divina, pratica molto antica che consiste nel pregare con la Parola di Dio.

A volte può capitare che i fedeli si possano sentire stanchi o contrariati per quello che devono affrontare nella vita o nella loro giornata, o che stiano passando per una prova molto seria.

In questi casi non si fa nulla e/o non si dice nulla. È sufficiente identificarsi con il Signore sofferente, sedersi e riposare un po’ alla sua presenza e in sua compagnia, offrire al Signore il dolore personale per permettere che la sua consolazione tocchi il cuore e lo riempia di pace interiore, e ricevere la sua ispirazione divina per trovare la luce nelle circostanze difficili.

Si può anche pregare con i salmi appropriati alla situazione che si sta vivendo.

Ecco poi tre raccomandazioni:

1. Stare attenti. Non favorire distrazioni – ad esempio, spegnere il cellulare.

2. Ricordare che non si tratta di un’ora di lettura.

3. Rimanere vigili. Alternare le posizioni – sedersi, inginocchiarsi, fermarsi con rispetto. Non mettersi in una posizione che favorisca il sonno.

Come si diceva in precedenza, non c’è un “rituale” da vivere a livello personale, ma anche così, a mo’ di proposta, il fedele può tener conto di questo schema che desidero condividere:

1. Il fedele fa il segno della croce.
2. Preghiera di preparazione (spontanea o proposta).
3. Lettura spirituale (scelta libera) e meditazione. Lectio divina.
4. Santo Rosario e/o Via Crucis e/o Liturgia delle Ore.
5. Preghiera personale. Privilegiare questo momento.
6. Comunione eucaristica spirituale (attraverso una preghiera personale proposta).
7. Stare davanti al Santissimo.
8. Lodi.
9. Preghiera finale (personale o proposta).
10. Il fedele fa il segno della croce.

Nella preghiera personale, il punto 5, più che parlare al Signore, è creare un momento di silenzio.

Il silenzio è capace di aprire uno spazio interiore nel più intimo di noi stessi per far sì che lì agisca Dio, perché la sua Parola resti in noi, perché l’amore per Lui si radichi nella nostra mente e nel nostro cuore e animi la nostra vita.

In questo momento conviene non tirar fuori tante preghiere scritte quanto ascoltare. Non diciamo: “Senti, Signore, che il tuo servo ti parla”, ma “Parla, Signore, che il tuo servo ti ascolta”.

Chiaramente non è facile fare silenzio perché portiamo dentro di noi molto rumore, e c’è ancora più rumore a livello esteriore, ma adorando si impara ad adorare, e il silenzio interiore un giorno arriverà.

Bisogna lasciarsi amare e abbracciare dal Signore in ogni momento di adorazione. Entrare nella sua intimità significa questo.

PREGHIERA DI PREPARAZIONE:

O dolcissimo Gesù, che, nascosto sotto i veli eucaristici, ascolti pietoso le nostre umili suppliche, per presentarle al trono dell’Altissimo, accogli ora benignamente gli ardenti aneliti dei nostri cuori. Illumina le nostre intelligenze, sorreggi le nostre volontà, rinvigorisci la nostra costanza e accendi nei nostri petti la fiamma di un santo entusiasmo, affinché, superando la nostra piccolezza e vincendo ogni difficoltà, sappiamo renderTi un omaggio meno indegno della tua grandezza e della tua maestà, più adeguato alle nostre ansie e ai nostri santi desideri. Amen. (Pio XII)

COMUNIONE EUCARISTICA SPIRITUALE:

Gesù mio, credo che tu stai nel Santissimo Sacramento. Ti amo sopra ogni cosa e ti desidero nell’anima mia. Poiché ora non posso riceverti sacramentalmente, vieni almeno spiritualmente nel mio cuore. (Pausa in silenzio per l’adorazione)

Come già venuto io ti abbraccio, e tutto mi unisco a te. Non permettere che io mi abbia mai a separare da te. Amen. (Sant’Alfonso maria de’ Liguori)

Oppure:

Credo, Gesù mio, che tu sia il Figlio del Dio vivente, che sei morto sulla croce per me e che ora sei reale e veramente presente nel Santissimo Sacramento dell’Altare. Ti chiedo perdono per tutti i miei peccati. Ti amo al di sopra di tutte le cose e desidero riceverti. Vieni nel mio cuore. Ti abbraccio. Non separarti mai da me.

Oppure:

Signore, vorrei riceverti con quella purezza, umiltà e devozione con cui ti ha accolto la tua santissima Madre; con lo spirito e il fervore dei santi.

Giaculatoria: Signore mio e Dio mio!

Oppure:

Eterno Padre, ti offro il Sangue, l’Anima, lo Spirito, il Corpo e la Divinità preziosissima di tuo Figlio Gesù in espiazione dei miei peccati, dei peccati del mondo intero e delle necessità della nostra Santa Chiesa cattolica. Amen.

DAVANTI AL SANTISSIMO:

Cinque Padre Nostro, Ave Maria e Gloria (per le cinque piaghe).

LODI:

Dio sia benedetto
Benedetto il Suo santo Nome.
Benedetto Gesù Cristo, vero Dio e vero Uomo.
Benedetto il Nome di Gesù.
Benedetto il Suo sacratissimo Cuore.
Benedetto il Suo preziosissimo Sangue.
Benedetto Gesù nel SS. Sacramento dell’altare.
Benedetto lo Spirito Santo Paraclito.
Benedetta la gran Madre di Dio, Maria Santissima.
Benedetta la Sua santa e Immacolata Concezione.
Benedetta la Sua gloriosa Assunzione.
Benedetto il Nome di Maria, Vergine e Madre.
Benedetto S. Giuseppe, Suo castissimo Sposo.
Benedetto Dio nei Suoi Angeli e nei Suoi Santi.

PREGHIERA FINALE:

Tu sei il Cristo, Figlio del Dio vivo

Tu sei il rivelatore di Dio invisibile,

il primogenito di ogni creatura, il fondamento di ogni cosa;

Tu sei il maestro dell’umanità

Tu sei il Redentore, tu sei nato, sei morto, sei risorto per noi;

Tu sei il centro della storia e del mondo;

Tu sei colui che ci conosce e ci ama;

Tu sei il compagno e l’amico della nostra vita;

Tu sei l’uomo del dolore e della speranza;

Tu sei colui che deve venire

e che deve essere un giorno il nostro giudice,

e, noi speriamo, la nostra felicità in Te. Amen. (Paolo VI)

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
adorazionecomunioneliturgiapreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni