Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da dove deriva la parola “ostia”?

Creative Commons
Condividi

I cristiani hanno adottato questo termine per riferirsi all'Agnello immolato

Il pane consacrato, quindi, è un’“ostia”, anzi, la vera “ostia”, cioè il Corpo stesso del risorto, una volta mortalmente aggredito dalla malvagità umana e ora vivo tra noi, fatto pane e vino, offerto come cibo e bevanda: prendete e mangiate… Prendete e bevete…

Con il tempo, purtroppo, si è perso molto di questo senso profondamente teologico e spirituale che la parola “ostia” ha assunto nella liturgia del cristianesimo romano primitivo, e ci si è concentrati quasi solo sulla materialità della “particola circolare di pasta di pane azzimo consacrata nella Messa” – al punto che arriviamo a chiamare “ostie” anche le particole non ancora consacrate!

Oggi, quando parlo di “ostia”, penso alla “vittima pasquale”, penso alla morte di Cristo e alla sua resurrezione, penso al mistero pasquale. Ostia per me è questo: la morte del Signore e la sua resurrezione, la sua donazione totale per noi, presente nel pane e nel vino consacrati. Per questo, dopo l’invocazione dello Spirito Santo sul pane e sul vino e la narrazione dell’ultima cena del Signore nella Messa, tutta l’assemblea canta: “Annunciamo la tua morte, o Signore, proclamiamo la tua resurrezione nell’attesa della tua venuta”.

Di fronte a questa “ostia”, ovvero di fronte a questo mistero, la gente si inchina con profonda reverenza, si inginocchia e si immerge in una profonda contemplazione, assumendo l’impegno di essere così: corpi offerti “come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio” (Rm 12,1). Adorare l’“ostia” significa arrendersi al suo mistero per viverlo nella quotidianità. E comunicare l’“ostia” significa assimilare il suo mistero nella totalità del nostro essere per diventare ciò che è Cristo: ostia, offerta al servizio dei fratelli.

E ora capisco meglio quando il Concilio Vaticano II, esortando alla partecipazione consapevole, pietosa e attiva al “sacrosanto mistero dell’Eucaristia”, chiede che i fedeli, “offrendo l’Ostia immacolata, non soltanto per le mani del Sacerdote, ma insieme con Lui, imparino ad offrire se stessi, e di giorno in giorno, per mezzo di Cristo Mediatore” (SC II,48).

Fra’ José Ariovaldo da Silva, OFM

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.