Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come crescere figli grati, i consigli di 13 mamme

brothers-family-siblings-boys-50692-large

Caryn Rivadeneira - pubblicato il 04/05/16

Il fatto che i bambini non riescono a apprezzare le loro benedizioni di tutti i giorni è un problema vecchio quanto la genitorialità stessa, ma non è impossibile da risolvere. Queste piccole lezioni di gratitudine possono cambiare la vostra famiglia per il meglio

“I miei figli non apprezzano proprio niente”. Quanto vi suona famigliare questa tipica lamentela da genitori?

Lo ammetto, l’ho detto anche io. E scommetto che anche tu l’hai fatto. Perché siamo tutti tentati di dire che i nostri ragazzi non sono così grati come eravamo noi a quell’età. Come genitori che danno sempre di più dare e dare, è facile pensare che i bambini proprio non apprezzano quanto gli adulti lavorino duramente per prendersi cura di loro. Ma la verità è che il fatto che i bambini non riescono ad apprezzare le loro benedizioni di tutti i giorni è un problema vecchio quanto la genitorialità stessa – è molto probabile che i tuoi genitori hanno detto la stessa cosa di te – ed è un’abitudine problematica che molte persone fanno difficoltà a cambiare una volta cresciuti.

(Non mi credi? Scopri ciò che la Bibbia ha da dire sulla apprezzamento. Le Scritture sono piene di lezioni su come mostrare gratitudine per i figli adulti di Dio.)

Ma, naturalmente, vale ancora la pena di insegnare ai vostri bambini ad essere più gentili e grati. Perché se imparano subito l’arte della gratitudine, i benefici possono essere grandi: allontana l’amarezza e il risentimento, genera gioia e ottimismo e aiuta la persona ad essere gentile e generosa. Tutti questi elementi contribuiscono a creare la pace interiore. Quale miglior regalo puoi dare al tuo bambino?

Desiderosa di trasmettere ai miei figli questi valori, ho parlato con altre mamme che hanno lavorato duramente per realizzare un senso di apprezzamento nelle loro famiglie, e ho estratti le loro migliori tecniche di gratitudine. Ecco cosa ho imparato:

Offrite una nuova prospettiva

Cerith Gardiner, di Parigi, crede che le immagini parlano più di mille parole. Quando ai suoi figli mostra immagini di bambini da tutto il mondo che vivono con molto meno di quello che loro hanno, loro apprezzano cose che altrimenti darebbero per scontato. Gardiner dice che non si tratta di farli sentire in colpa, ma semplicemente di offrire loro una nuova prospettiva a cui non sono esposti regolarmente.

I nostri bambini passano così tanto tempo guardando verso dove l’erba è più verde, notando le case più grandi, i giocattoli migliori, la vacanza più alla moda. Parlare attraverso le foto di bambini di tutto il mondo incoraggia i bambini a guardarsi intorno, invece che in alto. Li aiuta a vedere quanto sia ricca la propria famiglia, in generale, a livello emotivo, e anche sul piano storico.

Anche il semplice riconoscere la disparità, quando la vedi nella vita di ogni giorno, può aiutare. Marlena Graves del Michigan mi ha detto che lei si prende del tempo per ricordare ai suoi figli delle persone meno fortunate, durante il giorno. Se i suoi figli lasciano il rubinetto aperto, per esempio, parlerà con loro di come altre persone nel mondo non hanno risorse di base come l’acqua, che loro hanno invece la fortuna di avere.

Un’altra madre con cui ho parlato, Sheli Massie, ha anche portato i suoi bambini in un viaggio in Africa per aiutarli ad avere una prospettiva più globale. Oltre ad essere una grande vacanza in famiglia, il loro viaggio ha avuto lo scopo di aiutare i suoi figli a cogliere il privilegio della loro vita suburbana di Chicago. Li ha cambiati, dice, “per sempre”.

Naturalmente, non c’è bisogno di viaggiare in tutto il mondo per trovare famiglie in difficoltà. Jamie Janosz, della Florida, ha reso la festa di compleanno dei 10 anni della figlia ancora più speciale, sostenendo anche la festa di compleanno di un’altra bambina meno fortunata. “Mi sono resa conto di quanto siamo stati fortunati ad essere poter pianificare un evento speciale per la festa di mia figlia”, dice Janosz, che spiega che di solito, per la gente del posto, le feste si tengono in piste da bowling o altri centri di divertimento. Ma hanno voluto che la loro figlia comprendesse che questa non era la norma. “Così abbiamo sostenuto una bambina – attraverso Compassion International – nata nello stesso giorno di mia figlia! Quando abbiamo ricevuto lettere da Noellia, nella Repubblica Dominicana, abbiamo compreso il netto contrasto con la vita di mia figlia. Tutto ciò ha davvero messo le cose in prospettiva, sia per lei chee per noi come genitori “.

E un’altra madre, Nadia Swearingen-Friesen, dice che la sua famiglia ha deciso di aiutare una madre che ha perso la custodia del suo bambino dopo essere stata incapace di fornirgli quanto necessario. “Avevamo tutte le cose di cui lui aveva bisogno, e non le usavamo. Abbiamo preparato quindi tanta roba e l’abbiamo consegnata a lei come famiglia. Il suo bambino è tornato con lei due giorni più tardi. È stato potente per i nostri bambini vedere che, anche se viviamo con un budget molto limitato, possiamo aiutare il prossimo in molti modi. Il denaro è spesso contato, ma ci sono molti modi di essere ricchi”.

pexels-photo-27559-large

Praticate gratitudine ogni giorno

Altre mamme si fermano e si prendono del tempo per notare le benedizioni ricevute e rendere grazie.

Tish Warren, del Texas, porta avanti la sua famiglia con questa prassi. A cena, ogni giorno, ognuno di loro condivide un “alto” e un “basso” della giornata. “Ma”, dice Warren, “se non si può pensare ad un alto (a causa di una brutta giornata), bisogna dire una cosa per cui essere grati. È un bene anche per noi adulti quello di rendersi conto di quanto dobbiamo essere grati anche per il peggiore dei giorni”.

Judy Douglass, della Florida, ha praticato un rituale simile con i suoi figli, quando erano giovani. “L’ho fatto con me stessa e con loro”, ha detto, “dicendo: Grazie, Signore, nelle grandi e piccole situazioni difficili”. Anni dopo, quando suo figlio era ormai un uomo adulto, lui ha detto che quella lezione è tornata anche in un momento di oscurità, durante un trauma cranico. “Prima ha chiamato il 911”, ha detto Douglass, “ma poi ha detto, grazie, Signore,” per il fatto che era ancora in vita.

Un’altra madre, Lori Helmus di Chicago, dice che oltre al farlo giorno per giorno, lei usa anche le feste per celebrare la gratitudine, soprattutto il giorno del Ringraziamento.

“Nella cena del Ringraziamento, per quasi 15 anni, abbiamo avuto una cartella della gratitudine”, dice Helmus. “Dopo che tutti hanno mangiato, tiriamo fuori la cartella con dei bigliettini di carta e ne diamo uno a tutti quelli che sono a tavola. Chiediamo a ognuno, che sia un membro della famiglia o un ospite, di scrivere alcune per cui essere molto grati per l’anno scorso. Quando tutti hanno finito, diamo questi bigliettini a un lettore designato, che poi li legge ad alta voce e gli altri devono indovinare chi l’ha scritto!”

“Alcuni sono leggeri, altri struggenti, altri ancora semplici. È anche un buon ricordo di ciò per cui siamo stati grati nel corso degli anni e di chi ha condiviso la tavola con noi. Particolarmente dolci sono le note scritte dai cari che non sono più con noi. Noi, naturalmente, siamo sempre più grati per loro”.

pexels-photo-large-2

Educateli alla consapevolezza monetaria

Mentre tutti i genitori vogliono evitare che i bambini si preoccupano del denaro, far sapere loro che esiste un bilancio familiare è la chiave per mantenere un atteggiamento realistico e grato. Quando i bambini comprendono che il limite non è il cielo, questo può aiutarli a frenare i loro piagnistei e ad apprezzare le cose che ricevono.

Annette LaPlaca di Chicago dice: “Abbiamo sopportato anni di disoccupazione e di grave difficoltà finanziaria. Ora i miei figli sembrano così grati per le cose che hanno ricevuto! ”

Anche quando hanno vissuto momenti difficili, la famiglia di LaPlaca ha mantenuto l’abitudine di “pregare sempre con parole di gratitudine”, dice. “E noi condividiamo tutto quello che abbiamo, per quanto ci è possibile. Volevo che i miei bambini fossero consapevoli del fatto che, anche se non abbiamo avuto molto, potremmo avere più di qualcun altro”.

Martie Sharp Bradley, del Michigan, dice che rendere i suoi figli a conoscenza del budget ha anche contribuito a realizzare in loro la virtù della pazienza e degli acquisti intelligenti. Solo perché i ragazzi non ottengono qualcosa ora non significa che non lo faranno mai. “Dopo un decennio con un budget limitato”, dice, “i miei bambini sanno che la nostra spesa ruota intorno a sconti e offerte”. Quindi, non è raro per lei sentire, “Mamma, posso avere uno yogurt per pranzo? Oh, non importa, non sono in offerta. Forse la prossima settimana”.

house-money-capitalism-fortune-12619-large

Fateli lavorare per guadagnarsi ciò che vogliono

Cercando un libro sui principi economici degli Amish, Lorilee Craker ha detto che gli Amish l’hanno aiutata ad apprezzare il valore di lasciare “ai miei figli la soddisfazione di guadagnare qualcosa da se stessi”. Così, quando il figlio ha voluto la sua prima chitarra, lei lo ha incoraggiato a fare lavoretti, e di mettere da parte i soldi del compleanno e di Natale. Quasi un anno dopo ha ottenuto la chitarra “ed era così grato!”, dice Cramer.

Ma guadagnarsi qualcosa non deve avere necessariamente a che fare con i soldi, dice Deanna McMillen, una madre dell’Illinois. Quando la figlia ha lottato con la gratitudine, ha chiesto alla figlia di giocare ad essere “mamma per un giorno.” Assegnandole i compiti che McMillen farebbe normalmente in un giorno. Dopo solo poco tempo, la figlia ha detto che essere una mamma richiede “troppo lavoro”, e ha cominciato a rendersi conto di quanto i suoi genitori hanno fatto per lei ogni giorno.

people-eyes-playing-young-large

Non dimenticate i messaggi di ringraziamento

La gratitudine non significa solo essere grati per le cose e viaggi, ma si tratta anche di apprezzare le persone. La mamma di Stacy Bender vuole che i suoi figli apprezzino la possibilità di dire “grazie” alle persone generose nella loro vita. Nelle vacanze e nei compleanni non è il dono ciò che importa, ma la gente dietro il dono. Così lei insiste sul fatto che “ogni dono – indipendentemente da quanto sia piccolo – richiede un riconoscimento di qualche tipo: un sms, una telefonata, o un foglio con su scritto “grazie!”. Ma, aggiunge, le “note” devono essere appropriate alla generazione di riferimento. “A 90 anni, la nonna deve ottenere una lettera scritta a mano o una chiamata telefonica, o entrambi”, dice Bender. “Ma si può ringraziare un amico con un sms”.

pexels-photo-89478-large

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
educazionefigligratitudinemamme
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni