Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“La Madonna ha pianto a casa mia”

© Alessandro Bonvini-CC
Condividi

Parla Enzo Iannuso: Nessun merito, siamo solo strumenti. Il reliquiario della Madonna delle Lacrime di Siracusa in Vaticano per la veglia col Papa

Come si vive dopo che dentro casa un quadro della Madonna ha lacrimato? Il miracolo – riconosciuto in pochi mesi dalla Chiesa – è quello avvenuto a fine agosto del 1953, a Siracusa, in casa di una giovane coppia di sposi, Angelo Iannuso e Antonina Giusto, in attesa del loro primo figlio. Il 29-30-31 agosto e l’1 settembre, da un quadretto di gesso raffigurante il cuore immacolato di Maria, posto a capezzale del letto matrimoniale, sono sgorgate delle “lacrime umane”, come hanno confermato le analisi scientifiche. Angelo e Antonina di figli ne avranno in tutto quattro, due maschi e due femmine. È il secondogenito, Enzo, ad “aprirci” le porte di casa. “Quando Maria ha scelto di piangere nella nostra famiglia, è perché voleva la famiglia, il Suo messaggio doveva essere dato all’interno di una famiglia”.

“A volte la mamma ci mostrava i fazzoletti con cui aveva asciugato le lacrime che scendevano dal quadro”. Un gesto spontaneo, tipico di una madre. Oggi alcuni di quei fazzoletti sono custoditi in un reliquiario, insieme ad alcune lacrime scese dal quadretto di gesso. I prossimi giorni, il reliquiario della Madonna delle lacrime di Siracusa sarà a San Pietro in occasione della “Veglia per asciugare le lacrime”, voluta da Papa Francesco nel cuore del Giubileo della Misericordia. A Siracusa le due stanze al numero 11 di via degli Orti di S. Giorgio, in cui i genitori di Enzo vivevano insieme a un fratello del padre, sono diventate un oratorio, luogo di pellegrinaggio e di preghiera. In una stanza è ancora conservato il letto della coppia. Nella camera degli sposi, il luogo in cui è avvenuto il miracolo, oggi c’è un altare e ogni giorno viene celebrata la Messa.

Tornare in questi luoghi “di famiglia” per Enzo è motivo di gratitudine: “Sembra quasi impossibile essere coinvolti in una vicenda così, ma questa è la realtà, e allora il sentimento è di serenità e gratitudine”. Del resto “non abbiamo avuto nessun merito perché accadesse a noi, non è un vanto. Abbiamo avuto il dono di essere stati degli strumenti, e in quanto tali, finito l’uso possiamo essere messi da parte”. Qualche volta Antonina ha raccontato ai figli di quel sabato mattina in cui si è accorta delle lacrime che rigavano il volto della Madonna. Poche parole, perché “era più che altro una atmosfera che si respirava dentro casa. Una atmosfera di serenità. Non mancavano i problemi, come in ogni famiglia, ma si respirava serenità” riflette Enzo. Lui, marinaio di professione, si è trasferito da Siracusa in Puglia, si è sposato e ha avuto tre figli. “Ho avuto una vita movimentata, ma questo non mi ha impedito di vivere e coinvolgermi con la scelta di essere padre e marito”.

Enzo e sua moglie conducono “una vita normale, come quella di qualsiasi coppia, con momenti di pianto e di riso, con i sacrifici, ma quando si vive una gioia così, si può affrontare tutto con serenità interiore”. Per vivere bene – dice – “bisogna svegliarsi ogni giorno e decidere di ricominciare. Abbiamo un Padre e la Madonna vicino, a noi è chiesto solo di avere un po’ di fiducia”. E come lui da bambino ha respirato la fede e la serenità dei genitori, così i suoi figli hanno vissuto immersi in questa atmosfera: “Non è raccontando un fatterello che si trasmette la fede, ma vivendo. È una ricchezza che hai e che condividi con naturalezza”. Quando il reliquiario che custodisce le lacrime della Madonna raggiunge qualche parrocchia in Puglia, lui va: “Come se venisse mia mamma. E allora la vado a trovare”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.