Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconStorie
line break icon

Daniela Poggi si racconta come artista e donna di fede

© Elisabetta A. Villa/Getty Images

Silvia Lucchetti - Aleteia - pubblicato il 29/04/16

La nostra intervista all’attrice che ha appena interpretato il suo ultimo ruolo cinematografico

È appena uscito nelle sale il film “Infernet” per la regia di Giuseppe Ferlito che vanta un cast prestigioso che tra gli altri vede: Remo Girone, Ricky Tognazzi, Roberto Farnesi, Katia Ricciarelli e Daniela Poggi. Daniela nel film è Martina, moglie di Giorgio (Ricky Tognazzi) affetto da ludopatia, e mamma di un giovane bullo.

Abbiamo avuto il piacere di incontrare e intervistare questa attrice di cinema, tv e teatro – nonché presentatrice televisiva – che molti di noi ricordano anche per la sua passata conduzione della trasmissione “Chi l’ha visto”.

Avendo attraversato esperienze artistiche così diverse e stimolanti, che rapporto ha oggi con ciascuna di esse?

Non potrei stare senza il palcoscenico e senza il rapporto con il pubblico. Il teatro ti mette a nudo e ti obbliga a un confronto continuo con la platea che devi affascinare e conquistare. Il teatro rappresenta una sfida costante, è un qualcosa che ti dà tanta adrenalina ma ti costringe sempre a sentirti sotto un esame durissimo. Il cinema lo definirei il mio amante, ciò che ho sempre inseguito e che mi ha puntualmente tradita. Vedo il teatro come il marito, la tv come il fidanzato e il cinema come l’amante. Il cinema ha un fascino completamente diverso, mi è sempre molto piaciuto, è come se dovessi perennemente conquistare l’altro che sta dietro, lo spettatore che non vedi. La tv è un bel fidanzato tranquillo, piacevole, che ti permette di entrare nelle case di milioni di spettatori. È chiaro che la televisione ha tempi diversi dal cinema, la conduzione è “tosta” , soprattutto la diretta come quella che ho fatto nei quattro anni di “Chi l’ha visto”. All’inizio provavo una tensione micidiale, poi pian piano ti abitui e alla fine resta una grossa soddisfazione. Non posso come attrice esprimere preferenze per uno dei tre palcoscenici, ma come spettatrice amo moltissimo il cinema: guardo poco la tv e a teatro spesso mi annoio. Mentre il cinema mi trasporta completamente, io volo, mi fa dimenticare tutto.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
cinemafedeteatrotelevisione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni