Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconNews
line break icon

L’obiezione di coscienza è stata inventata dai cristiani?

Shutterstock / CebotariN

Javier Ordovás - pubblicato il 27/04/16

Secondo alcuni giuristi, i primi cristiani sono stati i primi obiettori di coscienza

La cultura si sta decristianizzando, e lo stesso accade a varie legislazioni occidentali.

In questo senso, i cristiani si trovano sempre più davanti a legislazioni collegate a temi verso i quali oppongono problemi di coscienza, il che non è certo una novità nella storia…

Per alcuni esperti giuristi, le prime manifestazioni di un’obiezione di coscienza appaiono con l’arrivo del cristianesimo. I primi cristiani, quindi, sarebbero stati tra i primi obiettori di coscienza, con il loro rifiuto di adorare l’imperatore.

È stato però a partire dalla II Guerra Mondiale che il fenomeno dell’obiezione di coscienza ha acquisito una portata collettiva, identificandosi soprattutto con l’antimilitarismo.

Ci sono due accezioni fondamentali della parola “coscienza”: come conoscenza che si ha di se stessi e delle proprie facoltà e come conoscenza interiore che spinge a distinguere il bene dal male. Nel significato della definizione “obiezione di coscienza” sono contenuti entrambi i modi di intendere il senso del termine.

Quando parliamo di coscienza, ci riferiamo al soggetto individuale e a una facoltà che gli fornisce la nozione della sua identità personale come qualcosa di singolare e unico. La coscienza presuppone la percezione radicale della libertà come qualità della persona, definendosi come la norma che dirige la propria condotta.

Ecco alcuni dei casi più frequenti in cui si presenta il diritto all’obiezione di coscienza:

Obiezione di coscienza al servizio militare. È il caso classico dell’obiezione di coscienza. Si tratta del rifiuto di compiere il dovere legale che impone il servizio militare obbligatorio o la partecipazione di un soggetto individuale a una guerra attraverso il reclutamento forzato.

Obiezione di coscienza medica. Possiamo distinguere due casi: il rifiuto a sottoporsi a un trattamento medico come esercizio dell’obiezione di coscienza da parte del paziente e l’obiezione di coscienza da parte del personale sanitario di fronte a determinati interventi, o a realizzare una prestazione sanitaria obbligatoria o a cooperare con essa ritenendola contraria alla propria coscienza (pratica dell’aborto, certi programmi di ricerca genetica e biologica, sterilizzazione, eutanasia…).

Anche se diversi organismi internazionali hanno manifestato la necessità di stabilire un’etica delle scienze mediche che rispetti i diritti umani (bioetica), in nessuna assise internazionale è stata menzionata la problematica dell’obiezione di coscienza medica.

Obiezione di coscienza lavorativa. Vi si inquadrano tutti i casi di rifiuto di svolgere qualsiasi dovere collegato a un rapporto lavorativo. In questo senso, i doveri rifiutati derivano in modo diretto o indiretto dagli impegni assunti in precedenza dall’obiettore nel suo contratto lavorativo. È ad esempio il caso di un funzionario che si rifiuta di officiare un matrimonio omosessuale.

Obiezione di coscienza ai seggi elettorali.

Obiezione di coscienza in una giuria.

Obiezione di coscienza in ambito educativo. Si verifica quando avviene uno scontro tra il modello educativo esistente e la coscienza o le convinzioni dei genitori.

Obiezione di coscienza farmaceutica. Si può definire come il rifiuto dei professionisti farmaceutici di dispensare determinati farmaci o prodotti per motivi di coscienza.

Legislazione internazionale sull’obiezione di coscienza

Il diritto all’obiezione di coscienza è riconosciuto dall’articolo 18 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, in cui si legge che “ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti”.

  • 1
  • 2
Tags:
diritti umaniobiezione di coscienza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni