Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Perché noi cristiani dobbiamo sia ridere che piangere

web-sisters-laughing-boston-george-martell-pilot-media-cc

George Martell/Pilot Media CC

padre Robert McTeigue, SJ - pubblicato il 27/04/16

Si può trovare persino in una vita piena di amarezza

Qual è la cosa più urgente e onesta da fare per un cristiano, ridere o piangere? Per noi è facile associare il ridere con la vita cristiana. Parliamo con ammirazione di quelle anime allegre che “hanno la gioia del Signore”. Durante la stagione pasquale i prefazi delle preghiere eucaristiche recitano che i cristiani sono nella “pienezza della gioia pasquale”. Nello stesso tempo parliamo del “dono delle lacrime” e nel Salve Regina ci descriviamo come “gementi e piangenti in questa valle di lacrime”. Eppure San Francesco di Sales ha detto che un santo triste è un triste santo. Quindi, quale delle due? Qual è la cosa più adatta a un cristiano, ridere o piangere?

Questa domanda è tornata a tormentarmi da quando ho, recentemente, letto una traduzione del brillante romanzo russo Laurus, di Eugene Vodolazkin. Queste sono le righe che per settimane sono state ricorrenti nei miei pensieri: “Quando vede Arseny pregare di notte, la nuova badessa dice: durante il giorno, il servo di Dio … ride del mondo, di notte piange per quello stesso mondo“.

Come è possibile? Come si può conciliare questo ridere e addolorarsi in un’anima pia? Sembrerebbe abbastanza facile comprendere un cristiano che è rattristato. Non bisogna cercare troppo a fondo per trovare sofferenza in questo mondo. Ogni umano che ha raggiunto l’età della ragione può testimoniare la presenza della malattia, dell’ingiustizia, del peccato e della morte. Sia attorno a lui che dentro di lui. Un cristiano maturo riesce a piangere di vergogna a causa dei suoi propri peccati di negligenza e malizia; lo stesso cristiano può notare con orrore come le generazioni siano diventate degli sciatti amministratori dei doni e delle grazie di Dio. Un’anima davvero pia sa soffrire il dolore della compassione e contempla il cuore trafitto del nostro Signore ferito.

Eppure S.Tommaso d’Aquino ha insistito sul fatto che la gioia si può trovare persino in presenza del dolore, a condizione che l’anima mantenga in se stessa la verità di Dio e la felicità del cielo. Forse il cristiano maturo può ridere perché Dio ama ardentemente, teneramente e ostinatamente delle creature così assurde, quali siamo noi. Assurde perché aspiriamo a tali altezze e cadiamo nelle sciocchezze. Considerate questi versi dell’Amleto di Shakespeare:

Qual capolavoro è l’uomo! Come nobile nell’intelletto! Come infinito nelle sue facoltà! Quale espressione ammirabile e commovente nel suo volto, nel suo gesto! Un angelo allorchè opera! Un Dio quando pensa! Splendido ornamento del mondo! Re degli animali!…. È nulla meno che è per me questa quintessenza di polvere? L’uomo non mi alletta; no, nè la donna tampoco…

LEGGI ANCHE: La bellezza del mondo, senza Dio, è “quintessenza di polvere”


Dovremmo essere motivo di risate, perché noi umani ibridi – incrocio bizzarro di carne mortale e anima immortale – siamo in grado di prenderci così sul serio. Le nostre pretese sono elevate persino quando mangiamo, dormiamo, defechiamo e copuliamo come ogni altro mammifero. Dovremmo essere commiserati perché infliggiamo così tanta sofferenza evitabile su noi stessi e sugli altri, con la nostra avida ricerca di realizzare le nostre fantasie terrene evitando di incrociare i nostri occhi con la chiamata del cielo. Gira e rigira, si finisce per meravigliarci della grandezza dell’uomo e per rimpiangere i suoi fallimenti. Quando finirà tutto questo?

Quando ero un giovane studente mi è stato insegnato che le opere teatrali venivano classificate come commedie o tragedie in base al fatto che la storia avesse o meno un lieto fine. Le storie con un finale positivo erano commedie, a prescindere da cosa fosse accaduto prima della conclusione; le tragedie invece erano quelle storie dal finale negativo, a prescindere dall’amore e della risate vissute. Considerando questo, se Shakespeare avesse modificato il suo Romeo e Giulietta soltanto di alcuni paragrafi, quell’opera sarebbe stata classificata come commedia. Dobbiamo quindi chiederci: la storia umana è una commedia o una tragedia? La risata dell’uomo è una mera distrazione dal finale e definitivo disastro umano? O piangere è forse un piccolo incidente sulla strada che porta a un inevitabile lieto fine?

Non penso che domande come queste possano condurre a risposte nette. Il poeta francese Charles Peguy ha scritto: “La vita consiste soltanto di una tragedia, in definitiva: non essere stato un santo”.

Dico questo. Che i buoni cristiani piangano, come Dio piange, perché i propri figli ribelli si rifiutano di diventare santi. E che i buoni cristiani sappiano ridere come i santi ridono, meravigliandosi della scelta di Dio di rendere noi umani la corona della creazione, con corpi ed anime creati per la felicità del cielo. Nell’oscurità e nella solitudine, intercediamo con afflizione per un mondo creato per la redenzione e che ha scelto la strada della perdizione. Nella luce e nella società, adoriamo Dio con allegria, perché ha reso queste creature imperfette strumenti del suo perfetto amore.

——-

Padre Robert McTeigue, S.Jè membro della provincia del Maryland della Compagnia di Gesù. Docente di Filosofia e Teologia, ha una lunga esperienza in direzione spirituale, ministero di ritiri e formazione religiosa. Insegna Filosofia presso la Ave Maria University ad Ave Maria, Florida, ed è noto per le sue lezioni di Retorica ed Etica Medica.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
charles péguygioia cristianasan tommaso d'aquinoshakespearetristezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.