Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Benedetto XVI: un “grande riformatore”? Sì, e anche uno stabilizzatore

catwalker / Shutterstock.com
Condividi

Per quasi 40 anni, Joseph Ratzinger è stato l'ancora della barca di Pietro

Anche se va contro tutto ciò che dicono i media, sarebbe difficile per chiunque essere in disaccordo con l’opinione di John Allen [noto vaticanista negli USA, NdT] secondo la quale papa Benedetto XVI, eletto pontefice 11 anni fa, è stato un papa di riforme consistenti seppur poco appariscenti.

Vale la pena di leggere l’articolo di Allen, soprattutto per piccole sorprese come questa:

Anche se papa Francesco viene giustamente lodato per la sua umiltà e la sua semplicità, la verità è che Benedetto XVI ha contribuito in modo significativo alla “demistificazione” dell’officio papa ben prima che Francesco apparisse sulla scena.

Ecco un esempio. Poco dopo la sua elezione, Francesco è tornato alla Casa del Clero di Roma nella quale aveva alloggiato prima del conclave per farsi la valigia e pagare il conto, un episodio che è diventato parte della sua immagine di “uomo del popolo”.

Benedetto, tuttavia, aveva fatto lo stesso 11 anni fa, tornando nel suo appartamento per fare le valigie e poi andando a ringraziare le suore che vivevano nell’edificio per essere state dei buoni vicini. In altre parole, Benedetto è sempre stato umile come il suo successore – e in qualche modo indubbiamente anche di più –, anche se questo non è sempre trapelato dalla sua immagine pubblica.

Allen difende bene l’idea che Benedetto abbia fatto sufficienti mosse audaci ma non troppo apprezzate per essere definito un “riformatore”, ma l’ho sempre visto più come un grande stabilizzatore – come se i pontificati di Giovanni Paolo II e Francesco fossero imbarcazioni tenute salde dalla robusta ancora di Benedetto.

Giovanni Paolo II sarebbe stato libero di essere Giovanni Paolo II – e tutto quello che è diventato per il mondo – senza la sicurezza che Joseph Ratzinger svolgesse il suo compito in modo così regolare? Giovani Paolo II è stato il papa “pellegrino”, viaggiando come mai prima, diventando il primo “papa rock star” e scrivendo trattati filosofici densi e spesso impenetrabili, mentre Benedetto lo sosteneva in silenzio, scriveva e insegnava con grande chiarezza teologica, si rapportava alla politica della Curia e alle questioni dottrinali e portava sulle spalle grandi responsabilità, soprattutto quando Giovanni Paolo II ha raggiunto l’apogeo.

E ora penso che Benedetto sia l’ancora di Francesco – che non sarebbe neanche il successore di Pietro se Benedetto non avesse letto i segni dei tempi e non avesse capito che nessuno ascoltava più, che era necessario qualcosa di quasi impensabile per “resettare” la narrazione e scuotere le idee del mondo. Sto ancora analizzando le lezioni di fiducia e discernimento che Benedetto ha modellato per noi quando ha messo tutta la Chiesa – e per estensione il mondo intero – sulla via dello Spirito Santo. Francesco cita spesso Benedetto, facendo riferimenti alle sue opere. Forse meglio di chiunque altro comprende il peso di ciò che ha fatto Benedetto, e il motivo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.