Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 11 Maggio |
home iconChiesa
line break icon

La verità del Cristianesimo? La spiega Dante…

don Andrea Lonardo - Centro Culturale "Gli Scritti" - pubblicato il 18/04/16

Cioè la verità della fede è garantita da qualcosa di esterno alla Bibbia stessa, e precisamente dal fatto che il mondo si rivolse al cristianesimo: la prova della fede è data dal miracolo dell’esistenza della Chiesa. Questo miracolo è tale, senza altri “miracoli”, che gli altri valgono solo un centesimo di questo. Infatti – spiega Dante – Pietro annunziò Cristo,pur essendo il primo degli apostoli povero e senza mezzi, seminando la buona pianta della fede: ne nacque la Chiesa che è una vite, la vite cui Cristo ha dato origine, anche se nel momento storico in cui visse Dante è come un pruno.

LEGGI ANCHE:Card. Ravasi: Dante sa parlare all’uomo di oggi

Dante afferma così che chi lo ha convinto della fede è il grande miracolo dell’esistenza del popolo cristiano. Dal Cristo è nato quel popolo che ha amato, ha perdonato, ha affrontato il martirio, ha insegnato al mondo la dignità dell’uomo, la grandezza dello studio e della ricerca, ha vissuto l’amore per i poveri, ha sperato contro ogni speranza, ha dato fiducia al mondo intero.

Tale miracolo resta tale anche se in alcuni momenti della storia – come afferma Dante – la vite si è fatta pruno. I peccati commessi dai cristiani non solo non diminuiscono il miracolo dell’esistenza del popolo di Dio, ma anzi lo esaltano ancor più perché la Chiesa continua ad esistere e a fare del bene nonostante il peccato dei suoi uomini.

In Boccaccio, nella II novella del I giorno del Decamerone si afferma qualcosa di simile. Boccaccio – che fu colui che iniziò le pubbliche spiegazioni a Firenze della Divina Commediache il popolo richiedeva – nel Decameroneracconta la storia da lui inventata, ma teologicamente perfetta, di un ebreo che prima di battezzarsi volle andare a Roma per vedere come vivevano i cristiani ed al ritorno confermò di volersi battezzare perché se la Chiesa continuava ad esistere ed a crescere nonostante l i peccati del papa e dei preti della Curia romana ciò voleva dire che la Chiesa stessa era qualcosa di non semplicemente umano, bensì era sorretta divinamente dallo Spirito che la rendeva feconda, nonostante il suo esser “pruno”. Per la novella di Boccaccio la Chiesa continua ad offrire la grazia di Dio nonostante la miseria degli uomini e ciò è segno della presenza divina in essa.

In effetti noi crediamo non solo perché sentiamo annunziare i miracoli compiuti da Gesù in Terra Santa, ma anche perché vediamo come solo dinanzi a Lui la vita degli uomini fiorisca. Siamo giunti alla fede nella nostra vita, per aver intuito che nell’incontro con Lui i cuori si convertono. Crediamo nell’opera di Dio perché vediamo che la Chiesa continua a generare santi anche nei momenti più bui della sua storia, sempre santa e generatrice di santità anche quando i suoi figli peccano.

La teologa fondamentale della seconda metà del novecento ha riscoperto come la Chiesa sia il segno personale della verità e della bellezza di Dio. Importantissimi sono stati in questo senso gli studi di R. Latourelle e la sua operaCristo e la chiesa segni di salvezza (edito da Cittadella). Tutto il lavoro di Latourelle, proseguito poi dalla sua scuola ed in particolare dal prof. Fisichella, oggi vescovo, ha giustamente abbandonato la via delle singole “prove” della verità cristiana per concentrarsi sui due “segni” personali di credibilità: la persona stessa di Gesù e la vita della Chiesa.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
cristianesimodante alighieridivina commediaecclesiologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
ROSES, TERESA LISIEUX
Annalisa Teggi
Novena delle rose, 5 storie di chi ha ricevuto una carezza da San...
7
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni