Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
home iconChiesa
line break icon

Perché il latino è la lingua ufficiale della Chiesa cattolica?

Public domain

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 15/04/16

E Roma è anche la capitale o culla della Chiesa, perché è la città nella quale sono morti San Pietro e San Paolo, pilastri della Chiesa, una città che è stata fecondata dal sangue di tanti martiri.

Il latino era quindi la lingua universale, e la Chiesa si è estesa, consolidata erafforzata utilizzando questa lingua.

La Bibbia, i documenti ecclesiali e patristici, i concili e i libri erano dunque in latino per arrivare fino ai confini geografici del mondo.

La Chiesa, abbracciando tutte le Nazioni ed essendo destinata per vocazione divina a durare fino alla fine dei secoli, esige per sua stessa natura una lingua profonda, immutabile e universale.

La Chiesa deve disporre di una lingua che non solo le permetta la comunicazione ufficiale tra i membri di uno stesso contesto storico sparsi per il mondo, ma che leghi anche i cristiani di tutte le epoche tra loro.

E il latino è la lingua adatta, perché ne serve una che sia punto di riferimento per la conoscenza dei documenti istituzionali e non sminuisca il senso dei testi, perché tra gli altri vantaggi del latino c’è quello di essere molto preciso e concreto, e anche idoneo ad approfondire le verità teologiche.

Il latino – più ieri che oggi – è poi la lingua comune che permette che la liturgia o il culto sia lo stesso in qualsiasi angolo del mondo. Il latino viene infatti utilizzato come lingua liturgica ufficiale della Chiesa cattolica di rito latino.

La sua condizione di lingua “morta”, nel senso che non è soggetta a evoluzione, le conferisce una particolare utilità per gli usi teologici e liturgici, visto che è necessario che il significato delle parole resti costante.

In questo modo, i testi che vengono impiegati in queste discipline conserveranno il loro significato e il loro senso per i lettori di ogni epoca.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
chiesa cattolicacristianesimoimpero romanolingua latinaliturgiasan pietro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni