Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come vivere tutte gli stadi del dolore prima della nascita di un figlio con problemi

Sakhorn/Shutterstock

TOMMY TIGHE - pubblicato il 15/04/16

Applicare il modello Kübler-Ross per trovare la luce oltre l'oscurità

Ci sono pochi concetti nella psicologia moderna che sono rimasti nella cultura popolare meglio del modello di Elizabeth Kübler-Ross sugli stadi del dolore, sviluppato nel suo libro La morte e il morire, del 1969.

Lei ha successivamente specificato che il suo intento era di realizzare una progressione non lineare e non prevedibile, ma nonostante questo i suoi cinque stadi sono diventati parte della coscienza culturale. Sono la negazione, la rabbia, il patteggiamento (o contrattazione), la depressione e l’accettazione.

Ho pensato più volte a queste fasi durante quando abbiamo ricevuto una diagnosi prenatale fatale per il nostro quarto figlio.

Nel mio personale viaggio, anche se è ancora in corso, già vedo in me stesso e nella mia vita di preghiera le fasi proposte dal modello.

Negazione

Quando la mia famiglia è entrata nella buia stanza degli ultrasuoni, mia moglie di io abbiamo capito che qualcosa non andava. Il tecnico non ha cliccato né stampato immagini né ha speso il tempo che di solito ha speso per illustrare le varie caratteristiche del nostro bambino di 20 settimane o giù di lì. Ha invece guardato lo schermo con sorpresa e ha cliccato qualche tasto, rendendo ciò che stavamo vedendo di colori diversi.

Ci ha soltanto detto che avremmo dovuto fare un controllo con un dottore immediatamente dopo gli ultrasuoni, nient’altro.

Io però ho guardato lo schermo, e ho visto le parole che hanno iniziato questo processo che ha letteralmente stravolto la mia vita:

Non c’è per niente fluido.

Siamo entrati nell’ufficio dell’ostetrica-ginecologa di turno che non è stata affatto loquace. “Le cose non sembrano buone”, ha detto, seguito da uno sprezzante “Dovrete parlare di più con il vostro dottore, al prossimo appuntamento”.

Questo è quanto. Ecco tutto ciò che ci è stato detto.

Partendo dalle parole lette sullo schermo, però, sono riuscito a delineare su Google la situazione del nostro bambino, prima dell’appuntamento fissato per la settimana successiva.

Tutte le ricerche hanno puntato verso la medesima direzione: agenesia renale.

Quando ci siamo incontrati con lo specialista, lui ha confermato quello di cui noi abbiamo già avuto il sospetto.

Prima di quell’appuntamento, ho detto a Dio che i dottori hanno sbagliato tutto, che la posizione del bambino potrebbe aver diminuito la visibilità dei reni, e così via discorrendo.

Tutte scuse per contenere il fiume di emozioni, una negazione che non sarebbe potuta durare a lungo.

Rabbia

La prima volta in cui siamo andati a messa dopo aver ricevuto la notizia, il solo atto di sedersi sulle panche è stato un colpo al cuore.

A un certo punto il più piccolo dei nostri cuccioli ha avuto un mancamento, e io l’ho immediatamente portato sul retro della chiesa. Sono stato contento di alzarmi e andarmene via, se devo essere onesto, perché la sola vista del crocifisso mi ha fatto bollire il sangue.

C’era una vetrata del Sacro Cuore, con Gesù che aveva lo sguardo direttamente verso gli occhi di chiunque fosse interessato a guardare in alto.

In silenzio, in preghiera, ho urlato contro di Lui. Come ha potuto fare questo a noi? Come ha potuto permettere che questo accadesse? Ci siamo adoperati così tanto per essergli fedeli, e questo è il ringraziamento che abbiamo ottenuto?

La mia rabbia è stata intensa, mi ha letteralmente avvolto.

Non è stata una bella sensazione, ma questo è quello che ho provato. Gli avrei voluto lanciare contro qualsiasi cosa a portata di mano.

  • 1
  • 2
Tags:
depressionedolore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni