Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Kobe Bryant, il ritiro di un campione salvato dalla fede e dalla famiglia

NBAGamerscore Blog-CC
Condividi

Il dialogo avuto una volta con un sacerdote è stato decisivo per raddrizzare la propria vita

Mercoledì 13 aprile sarà ricordato da molti come il #Mambaday, la data in cui si è ritirato uno degli atleti più grandi degli ultimi 20 anni: Kobe Bryant. La sua ultima notte da atleta è stata memorabile e piena di emozioni. Incredibili le statistiche comparse sul tabellino alla sirena finale: 60 punti (22/50 dal campo, 6/21 da tre, 10/12 dalla lunetta), 4 rimbalzi e 4 assist. Nel video che segue, gli highlights dell’addio da leggenda del re del canestro.

Lo sport è di certo l’aspetto principale per cui è noto a livello mondiale, ma in pochi conoscono il ruolo che hanno avuto nella sua vita la famiglia e la fede, aiutandolo a sopravvivere in uno dei suoi momenti più duri. Di fede cattolica, è sposato con Vanesa, anche lei cattolica. Vanesa e Kobe hanno due figlie, Natalia (nata nel 2003) e Gianna (nel 2006). Nel 2005 hanno perso una gravidanza.

Attraverso attività educative e finanziamenti che mirano alla realizzazione di progetti culturali, la fondazione della famiglia Bryant è attiva per cercare di sostenere i giovani e le famiglie che hanno bisogno. Il focus principale è rivolto ai senza tetto, ma tra i programmi promossi c’è quello della squadra di calcio MambaFC, in cui i Bryant cercano di formare atleti che siano indipendenti intellettualmente e che lavorino uniti concentrandosi sugli obbiettivi comuni da raggiungere attraverso lo sport e una vita sana.

“Mamba” è un soprannome che si è attribuito lo stesso Kobe Bryant dopo la crisi del 2003 e dopo aver visto il film Kill Bill, in cui è rimasto colpito dal serpente Mamba, che gli hanno ricordato le caratteristiche del suo gioco: scivoloso e velenoso.

5 volte campione NBA, 2 volte campione olimpico, 18 volte membro dell’All Star, terzo miglior realizzatore della storia dell’NBA. Tra gli altri meriti sportivi Bryant sarà ricordato come l’anello di congiunzione tra l’epoca Jordan e l’epoca Curry, appena iniziata.

Kobe Bryant si ritira con un sorriso sul volto e come una delle voci più sagge dello sport, arrivando addirittura ad affermare che si formano migliori giocatori di basket in Europa che negli Stati Uniti.

Ma anche con un invito a guardare la famiglia che c’è dietro al nome che riceve tanti flash. Famiglia in cui si gioca una partita ben più importante, quella della fede e del perdono come pilastri d’amore, che sembrano essere stati i pilastri della sua vittoria.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.