Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 11 Maggio |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconSpiritualità
line break icon

I miracoli di Gesù: realtà o finzione?

Shutterstock / canbedone

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 13/04/16

Tutti i miracoli realizzati da Gesù hanno provato che davvero Lui era chi diceva di essere: il Figlio di Dio.

Ne consegue che in Gesù hanno vissuto due nature distinte, quella umana e quella divina. E se per Dio non c’è niente di impossibile, è perfettamente logico che neanche per Gesù di Nazareth ci fosse stato niente di impossibile.

Essendo Gesù davvero Dio, ha realizzato autentici prodigi. I suoi miracoli, essendo reali, hanno suscitato meraviglia e sorpresa. Lo vediamo, ad esempio, quando Gesù ha calmato la tempesta (Matteo 8:23-27): “I presenti furono presi da stupore e dicevano: «Chi è mai costui al quale i venti e il mare obbediscono?»” (v. 27).

Se quindi i miracoli di Gesù non fossero stati reali, le persone avrebbero continuato ad essere affette da varie malattie, il che sarebbe in contraddizione – ad esempio – con la gratitudine della persona sanata dalla lebbra (Marco 1:45).

E se Gesù non avesse davvero sfamato un’intera folla con cinque pani e due pesci, queste persone avrebbero continuato ad avere fame, il contraddirebbe le parole di Gesù: “In verità, in verità vi dico, voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati” (Giovanni 6:26).

Se gli innumerevoli miracoli di Gesù fossero dei falsi, del tutto o solo in parte, non solo l’intera sua opera si sarebbe dimostrata un fallimento totale, anche prima della sua morte, ma addirittura non si sarebbe scritto niente su di Lui e con ogni probabilità il suo nome non sarebbe arrivato sino ai giorni nostri.

Se i miracoli di Gesù non fossero stati reali o se Gesù Cristo si fosse rivelato essere un impostore che ingannava le persone facendo loro credere di essere il figlio di Dio, i suoi discepoli (che non erano istruiti ma non erano sprovveduti e che hanno passato con lui più di tre anni) prima o poi se ne sarebbero accorti e lo avrebbero abbandonato e probabilmente consegnato alle autorità. Cosa che, come sappiamo, non è avvenuta.

Si può facilmente constatare che nessun discepolo ha abbandonato il gruppo per poi negare i miracoli e dare dell’impostore a Gesù.

Neanche Giuda Iscariota lo ha fatto per giustificare il suo tradimento, motivato in realtà da fini di lucro. Se i miracoli di Gesù fossero stati dei falsi Giuda avrebbe potuto screditare il Signore dando queste informazioni alle autorità ebraiche, non solo per poter abbandonare il gruppo ma anche per poterne uscire bene; ma, ovviamente, non lo ha fatto perché non aveva elementi per farlo.

Inoltre, col cuore a pezzi, ha restituito i 30 denari confessando: “Ho tradito sangue innocente” (Matteo 27:4). Non credo che il grande dolore e pentimento, al punto da suicidarsi, sia l’atteggiamento di chi è convinto che Gesù fosse un ciarlatano e imbroglione.

Come verificare l’autenticità dei miracoli?

1. I miracoli di Gesù non sono stati negati neanche dai suoi avversari. I farisei, seppur non abbiano creduto nel potere divino di Gesù, hanno dovuto riconoscere che Lui ha davvero cacciato i demoni; anche se poi, razionalizzando, hanno sostenuto che questi esorcismi sono stati effettuati per il potere del principe dei demoni (Matteo 12:24).

Indipendentemente dalla causa che i farisei e gli scettici hanno attribuito a questi segni inequivocabili, la loro ammissione di questa realtà è una confessione involontaria dell’esistenza in Lui di qualcosa che va oltre il naturale (soprannaturale); è questo ciò che ci interessa in questo momento.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
fedegesù cristomiracoli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
5
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni