Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come cambia la Costituzione?

© Public Domain
Condividi

Il ddl Boschi è stato approvato ieri con 361 sì, ad Ottobre il referendum confermativo. Una scheda e i motivi del “sì” e del “no”.

Per il Presidente del Consiglio Matteo Renzi quella di ieri, con l’approvazione della riforma costituzionale con 361 sì, 7 voti contrari e 2 astenuti, è “Una giornata storica per l’Italia, la politica dimostra di essere credibile e seria. Adesso noi chiederemo il referendum”. Così il premier aggiungendo che “la politica ha dimostrato che riforma sè stessa e la democrazia vince”. Così il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, madrina della legge su Twitter:

 

QUALI SONO LE PRINCIPALI NOVITA’ INTRODOTTE DAL DDL BOSCHI?

Una sintesi schematica offerta dall’Agenzia di stampa AGI aiuta a farsi una idea:

FINE DEL BICAMERALISMO PARITARIO

Camera dei deputati e Senato della Repubblica hanno composizione e funzioni diverse. La Camera, con 630 deputati,rappresenta la Nazione ed è l’unica titolare del rapporto di fiducia con il Governo. Ha funzione di indirizzo politico e di controllo sull’attività del Governo

IL NUOVO SENATO DEI 100

Cento (74 consiglieri regionali, 21 sindaci e 5 componenti di nomina del presidente della Repubblica) saranno i senatori. I futuri senatori saranno scelti, in conformità alle decisioni assunte dagli elettori, dai consigli regionali per mezzo di una legge elettorale che dovrà essere varata entro 6 mesi dall’entrata in vigore della riforma costituzionale. Il termine decorrerà dopo che si sarà svolto il referendum confermativo. Le regioni avranno poi tre mesi (90 giorni) per adeguarsi. I cinque senatori scelti dal Colle dureranno in carica sette anni come il Capo dello Stato e non possono fare più di un mandato. Senatori a vita restano gli ex presidenti della Repubblica.

DURATA DEL MANDATO E PREROGATIVE

La durata del mandato dei nuovi senatori è pari a quella degli organi delle istituzioni del territorio in cui sono stati eletti. Conservano l’immunità parlamentare e non ricevono alcuna indennità parlamentare, mantengono invece quella che hanno in qualità di sindaco o di consigliere regionale. Resta l’esercizio della funzione senza vincolo di mandato.

LA FORMAZIONE DELLE LEGGI

Le leggi di rango costituzionale, il referendum, la legge elettorale restano bicamerali, come anche i trattati con l’Unione europea. Le altre leggi sono esaminate e approvate dalla Camera dei deputati che le trasmette al Senato. Questo può disporne l’esame se, entro dieci giorni, lo richiede un terzo dei suoi componenti. Il Senato può anche, a maggioranza assoluta, entro 30 giorni successivi, proporre modifiche al testo. Su queste è la Camera a pronunciarsi in via definitiva. Per bocciarle serve la maggioranza assoluta dei componenti

ARRIVA LO STATUTO DELLE OPPOSIZIONI
Il regolamento della Camera dei deputati conterrà anche una disciplina dello statuto delle opposizioni.

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Per l’elezione del Colle il quorum necessario nelle prime tre votazioni è dei due terzi dei componenti l’assemblea. Dalla quarta votazione servono i tre quinti dell’assemblea. Dalla settima ai tre quinti dei votanti. Non sarà più il presidente del Senato a sostituire ad interim il Capo dello Stato. Toccherà al presidente della Camera.

GIUDICI COSTITUZIONALI

I giudici della Corte Costituzionale che spetta al Parlamento nominare, 5 in tutto, saranno eletti separatamente da Senato e Camera: due li eleggerà il nuovo Senato, tre la Camera. Il quorum per essere eletti è dei due terzi dei componenti per i primi due scrutini, dal terzo basta la maggioranza dei tre quinti.

TITOLO V

Non c’è più legislazione concorrente fra Stato e Regioni e si passa ad un redistribuzione delle materie di competenza statale e regionale. Si contempla una clausola di ‘supremazia’ con la quale si prevede che, su proposta del Governo, una legge dello Stato possa intervenire in materie non riservate alla legislazione esclusiva se lo richiede la tutela dell’interesse nazionale

LEGGI DI INIZIATIVA POPOLARE

Per presentarle serve la raccolta di 150mila firme (non più 50mila) ma si prevedono termini certi per la pronuncia della Camera

REFERENDUM

In Costituzione entrano i referendum di indirizzo e propositivi ma le Camere dovranno approvare una legge per delinearne le modalità di attuazione

STATO DI GUERRA

Sarà la Camera dei deputati, a maggioranza assoluta, a deliberare lo stato di Guerra e la conseguente attribuzione di poteri al Governo

ABOLIZIONE DEL CNEL E DELLE PROVINCE

Il ddl abroga l’articolo 99 della Costituzione con conseguente abolizione del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro(CNEL). Eliminato anche il riferimento, in Costituzione, alle Province

GIUDIZIO PREVENTIVO SULLE LEGGI ELETTORALI

La riforma dispone il giudizio preventivo di legittimità della Consulta sulla legge elettorale, prima della promulgazione, purchè vi sia un ricorso motivato presentato “entro dieci giorni” dall’approvazione della legge da “almeno un quarto dei componenti della Camera dei deputati o un terzo dei componenti del Senato della Repubblica”. La Corte costituzionale si pronuncia entro il termine di trenta giorni.

PERCHE’ I PADRI COSTITUENTI DIEDERO ALL’ITALIA UN PARLAMENTO BICAMERALE?

La risposta è nelle condizioni politiche del dopoguerra e nella memoria, vivida, di un partito che da solo si era fatto stato, quello Fascista:

La scelta dell’Assemblea Costituente a favore del bicameralismo paritario non fu né scontata né pacifica. I lavori dell’Assemblea (giugno 1946-gennaio 1948) furono condizionati dalla tragica e recente esperienza della Seconda guerra mondiale, dalla diversità di visioni del bene comune e dell’uomo presenti al suo interno (vi erano tre “anime” di maggior peso: cattolica, comunista-socialista e liberale), dall’evoluzione del clima politico e culturale italiano in quegli anni a seguito dell’inizio della Guerra fredda e la conseguente caduta del Governo di unità antifascista.

Furono soprattutto i lavori sulla Parte II della Costituzione a risentire del venir meno di una collaborazione più aperta tra i partiti: le scelte sulla forma di governo furono frutto di un compromesso, su cui pesò la volontà di limitare le possibilità di affermazione di una singola forza politica. Troppo forti erano i timori nutriti dai cattolici e dalla sinistra italiana all’idea che potesse prevalere lo schieramento opposto. Le originarie posizioni dei partiti furono in parte modificate per poter giungere a un accordo, che trovò in effetti un largo consenso dato che il testo della Costituzione fu approvato da quasi il 90% dei Costituenti. In questo quadro di riferimento va collocato l’approdo al bicameralismo paritario (Aggiornamenti Sociali, 13 aprile).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni