Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconStorie
line break icon

Sceglie di non partecipare alle Olimpiadi per donare un rene al padre

Facebook

Radio Maria - pubblicato il 12/04/16

"È il miglior regalo mai ricevuto e che potrò mai ricevere in vita mia"

La giovane Joana Bolling ha scelto di non partecipare ai Giochi Olimpici per poter donare un rene a suo padre.

La giocatrice di pallamano era davanti all’occasione della sua vita. Dopo tante sfide e dopo aver dimostrato di avere talento, Joana stava per giocare nelle prossime Olimpiadi di Rio de Janeiro.

Ma suo padre, l’ex giocatore di pallacanestro Elnes Bolling, soffriva di insufficienza renale e aveva urgente bisogno di un trapianto. Joana ha deciso di essere la donatrice, perdendo l’opportunità di partecipare ai Giochi.


LEGGI ANCHEPerché si accusa la Chiesa di essere contraria alla donazione di organi?


Abbiamo contattato la madre Bettina, che ci ha raccontato l’evoluzione della situazione di Elnes e Joana, che hanno già subito l’intervento nell’ospedale Allende della città di Córdoba.

Per quasi otto anni Elnes è stato sottoposto a dialisi, perché dall’età di 11 anni ha sofferto di insufficienza renale.

Joana e Estefania volevano donare un rene al padre da quando erano piccole, ma essendo minorenni non potevano farlo.

Una volta raggiunta l’età legale, entrambe le ragazze hanno fatto le analisi. L’unica compatibile era Joana, che non ha esitato a donare un suo rene per migliorare la vita del papà. La sua famiglia e suo padre sono le sue priorità, del resto non le importa affatto.

Bettina ha raccontato che Elnes ha detto a Joana: “Per colpa mia passerai il tuo compleanno bloccato in una clinica”, al che la ragazza ha risposto: “È il miglior regalo mai ricevuto e che potrò mai ricevere in vita mia”.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
figliolimpiadipadretestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni