Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Pentimento vs rimorso: un dialogo silenzioso tra San Pietro e Giuda

Guercino - Domínio Público / Creative Commons
Condividi

La differenza tra pentirsi davvero e disperare

Forse ci sarà stato un dialogo silenzioso tra San Pietro e Giuda, il traditore:

– Se tu, Giuda, anziché impiccarti avessi cercato Gesù per confessare la tua codardia, dicendo “Ho commesso un grande crimine ma sono pentito. Perdonami”, Gesù ti avrebbe perdonato.

Pausa.

Pietro si sarà allora ricordato della scena nel pretorio di Pilato, il Giovedì Santo… Il suo rinnegamento. Lo sguardo che Gesù gli aveva rivolto mentre veniva portato da un giudice all’altro. Le lacrime di pentimento che non smettevano di scorrergli sul volto, al punto da formare due solchi…

E avrà continuato:

– Giuda, io ho fatto una cosa peggiore. Ho rinnegato il nostro Maestro. L’ho rinnegato tre volte. Sono molto più colpevole di te.

Con gli occhi ancora inondati dalle lacrime, Pietro avrà proseguito:

– La differenza è che io ho pianto pentito, mentre tu hai avuto solo rimorso. Hai pensato che non avresti potuto essere perdonato. Perché hai dubitato della misericordia di Gesù?

 

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.