Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconChiesa
line break icon

Perché siamo nell’anno 2016 e non in un altro?

Dafne Chalet / Flickr

Javier Ordovás - pubblicato il 08/04/16

Ecco com'è nato il calendario cristiano oggi accettato a livello universale

Un calendario è un sistema di misurazione del tempo stabilito dalla società per le necessità della vita civile, con la divisione ­ per convenienza ­ del tempo in intervalli come giorni, mesi e anni. Le divisioni dei calendari si basano sui movimenti della Terra e sulla loro conseguenza, ovvero le apparizioni regolari del Sole e della Luna.

Il calendario civile vigente in Occidente – e a livello quasi universale – si basa sulla liturgia cristiana, perché il Calendario Gregoriano è stato fissato partendo dalla celebrazione della Pasqua di Resurrezione del Signore. Sembra logico che Cristo sia il punto di riferimento per misurare la storia.

Nel corso della storia, tuttavia, l’umanità ha impiegato diversi calendari:

Calendario egizio

Gli egizi hanno elaborato il calendario più esatto e complesso dell’antichità. L’anno egizio constava di 12 mesi di 30 giorni più 5 giorni aggiuntivi. Questo calendario esisteva già prima del 4000 a.C.

Calendario babilonese

Il primitivo calendario babilonese era di tipo lunare. All’inizio l’anno babilonese era costituito da 12 mesi di 30 giorni, ovvero aveva quasi 5 giorni e 1/4 in meno.

Calendario greco

Di tipo lunisolare, copiato dai babilonesi, constava di 12 mesi di 29 e 30 giorni alternativamente. A quest’anno di 354 giorni si aggiungeva un nuovo mese ogni terzo, sesto e ottavo anno.

Calendario romano primitivo(era romana, dal 753 a.C. della fondazione di Roma)

Introdotto verso il VII secolo a.C., aveva 10 mesi con 304 giorni in un anno che iniziava a marzo. Visto che in questo calendario l’anno aveva una durata tanto diversa da quella dell’anno tropico (365,24219 giorni), le stagioni non si ripetevano nelle stesse date da un anno all’altro.

Calendario giuliano

È servito a correggere gli errori del calendario romano primitivo e a offrire a tutto l’impero i vantaggi di un calendario uniforme. È stato Giulio Cesare a stabilire questo nuovo calendario, entrato in vigore il 1° gennaio del 45 a.C.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
calendariotempo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni