Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconSpiritualità
line break icon

Non vedo i miei peccati, non so cosa dire in confessione...

Wikimedia Commons (CC)

Joan Antoni Mateo - pubblicato il 07/04/16

La Parola di Dio e la preghiera sincera aiutano a riconoscerli. È importante non crederci autosufficienti

La perdita del senso del peccato è alla base non solo della crisi che attraversa il sacramento della penitenza, ma di una crisi molto più estesa e profonda che interessa tutta la vita cristiana.

Non riconoscersi peccatori è perdere il realismo più elementare nella vita cristiana. Credere che la gente abbia smesso di confessarsi perché c’è molta più santità è un’enorme ingenuità.

Curiosamente, i santi sono sempre stati quelli che si sono riconosciuti più peccatori.

È una questione molto importante, tanto che è stata esposta in modo esplicito da papa Francesco nel suo eccellente libro Il nome di Dio è Misericordia, di cui raccomando vivamente la lettura per comprendere a fondo il sacramento della confessione.

Cito il pontefice quando gli viene chiesto come riusciamo a riconoscerci peccatori e cosa direbbe a chi non si sente tale.

Dice papa Francesco: Gli consiglierei di chiedere questa grazia! Sì, perché anche riconoscersi peccatori è una grazia. È una grazia che ti viene donata. Senza la grazia, al massimo si può arrivare a dire: sono limitato, ho i miei limiti, questi sono i miei sbagli. Ma riconoscersi peccatori è un’altra cosa. Significa mettersi davanti a Dio, che è il nostro tutto, presentandogli noi stessi, cioè il nostro niente. Le nostre miserie, i nostri peccati. È davvero una grazia che si deve chiedere”.

In effetti, è una grazia che ci giunge ordinariamente attraverso l’ascolto della Parola di Dio e la preghiera sincera.

Papa Francesco dice anche: “La misericordia c’è, ma se tu non vuoi riceverla… Se non ti riconosci peccatore vuol dire che non la vuoi ricevere, vuol dire che non ne senti il bisogno… È importante non crederci autosufficienti”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
confessionemisericordiapapa francescopeccatopenitenzariconciliazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni