Aleteia

8 imperdibili lezioni di vita dei film Disney. Per grandi e piccoli

Condividi
Commenta

di Nory Camargo

Quando diventiamo genitori vogliamo offrire il meglio ai nostri figli, vogliamo che sentano che siamo in grado di dare loro la sicurezza e l’amore necessari per crescerli come persone integre e corrette agli occhi di Dio. Potreste pensare: cosa c’entra con il cinema? C’entra eccome, dal momento che stiamo attraversando momenti difficili in cui il bene viene chiamato male, il male viene chiamato bene e l’immorale viene chiamato “naturale”.

Alcuni genitori non possono condividere molto tempo con i figli e in cambio offrono loro totale libertà. Molte volte non prestiamo attenzione al contenuto di ciò che intrattiene i nostri figli. Ignoriamo completamente il messaggio diffuso dai film o dalle serie che vedono o per cui diventano “ossessionati”. Per questo motivo ho fatto una lista di 8 film che vi consiglio di guardare in compagnia dei vostri figli. So che sono pochi film e che alcuni dei vostri preferiti non sono presenti nella lista, ma il messaggio e l’insegnamento che ci danno mi sembrano molto costruttivi e pertinenti al mondo in cui viviamo.


1. Alla ricerca di Nemo

La storia parla del tormentato viaggio di Marlin per incontrare suo figlio Nemo nell’oceano. Cosa non fa questo papà pesce disperato per trovare suo figlio? Combatte le sue peggiori paure, esce dalla sua comfort zone, affronta squali, balene, pellicani, gabbiani, meduse e un pesce mostro; naviga attraverso la corrente australiana orientale e come se non fosse abbastanza ha come compagna Dory, un simpatico personaggio che perde la memoria ogni 5 minuti. Tutto perché il suo adorato figlio Nemo lo ha disubbidito, lo ha affrontato e ignorando i suoi avvertimenti si è avventurato da solo per il mare.

Questo film è pieno di lezioni, sia per i nostri figli che per noi genitori. I bambini potranno capire facilmente che dopo un atto di disubbidienza c’è una conseguenza, che dell’orgoglio non resta nulla, che stare lontani da casa è opprimente, che nulla può sostituire l’amore di un padre o di una madre, che noi genitori non chiediamo qualcosa “perché è così e basta”, ma perché la nostra esperienza ci ha fatto capire che ci sono pericoli che non vogliamo che loro vivano. E a noi genitori ci fa riflettere su quali possono essere i nostri limiti, ci fa chiedere: “Siamo forse come Marlin, padre iperprotettivo che non permette ai suoi figli neanche di guardare fuori dalla finestra per paura che succeda qualcosa?

La lezione finale è che l’amore dei genitori è incondizionato, e sebbene abbiamo da ridire su mille e uno errori, siamo sempre là, sperando che ci si possa riconciliare e amandoli infinitamente. Proprio come ogni giorno fa Dio con noi, non importa quanto grandi siano i nostri fallimenti.


2. Ribelle – The Brave

Amo questo film con tutta me stessa. Il motivo è semplice: qui non c’è la classica principessa che attende da una torre che il suo adorato principe azzurro le renda la vita facile, che la prenda con sé dopo un breve duello con la spada, che la carichi sul destriero per andare verso un raggiante “vissero per sempre felici e contenti”. Questo tipo di premesse lascia soltanto capire alle nostre figlie che la vita è così, che non potrebbero essere felici se non con un uomo dal mantello azzurro che le mantenga. Merida è una ragazza che sa quello che vuole, non è una bambina che passa le giornate a cantare guardando fuori dalla finestra, è piena di coraggio e rompe con le tradizioni della famiglia, non per un semplice capriccio ma perché sa che la propria vita non può ridursi a sposare un totale sconosciuto soltanto perché “ormai è in età da marito”.

D’altra parte questo film mostra che la libertà è al di sotto dei limiti di ciò che è meglio per noi. Merida decide di opporsi ai suoi genitori e prende la decisione più fallimentare della sua vita, ricorre a un incantesimo che trasforma sua madre in un orso, che rischia di rimanere così per sempre. La madre di Merida non abbandona la famiglia piena di orgoglio; al contrario, quasi immediatamente perdona sua figlia e insieme intraprendono il viaggio più grande della loro vita. Senza neanche immaginarlo, questo le unirà più che mai e darà a ognuna di loro l’opportunità di scoprire che, sebbene la si pensi diversamente, si può raggiungere un accordo. Alla fine del film le due superano le differenze e la regina Elinor decide di rompere con gli assurdi costumi del clan, dando a sua figlia l’opportunità di essere libera.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni