Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il lungo rapporto tra i lefebvriani e Papa Francesco

Condividi

Contrariamente a quanto molti possono pensare è con Bergoglio che la Fraternità San Pio X sta dialogando di più per una piena comunione con Roma

La recente notizia, confermata dalla Sala Stampa della Santa Sede, è che Papa Francesco ha incontrato sabato scorso in Vaticano Bernard Fellay, Superiore generale e diretto successore di monsignor Marcel Lefebvre alla guida della Fraternità San Pio X, FSSPX.

Una notizia niente affatto scontata, sebbene da anni Roma e la Fraternità cerchino una intesa per ricomporre lo scisma. I primi passi nella direzione della ricucitura li ha mossi infatti Benedetto XVI. Fu lui, nel gennaio 2009, a volere la revoca della scomunica latae sententiae dichiarata il 1° luglio 1988 contro i quattro vescovi consacrati illecitamente da monsignor Lefebvre. Allora la decisione di Benedetto XVI di riconsiderare la posizione dei quattro vescovi venne spiegata nel decreto sulla base di una duplice considerazione: da una parte il “disagio spirituale manifestato dagli interessati a causa della sanzione di scomunica”; dall’altra la fiducia “nell’impegno” da essi espresso “di non risparmiare alcuno sforzo per approfondire nei necessari colloqui con le autorità della Santa Sede le questioni ancora aperte, così da poter giungere presto a una piena e soddisfacente soluzione del problema posto in origine”.

Un altro passo nella direzione della piena comunione invece lo ha compiuto proprio Papa Francesco con l’indizione del Giubileo della Misericordia: nella Lettera di indizione del 1° di settembre 2015, inviata a mons. Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova Evangelizzazione, il Pontefice, rivolgeva un pensiero “a quei fedeli che per diversi motivi si sentono di frequentare le chiese officiate dai sacerdoti della Fraternità San Pio X”, comunicando così la decisione “che quanti durante l’Anno Santo della Misericordia si accosteranno per celebrare il Sacramento della Riconciliazione” presso i sacerdoti della comunità, “riceveranno validamente e lecitamente l’assoluzione dei loro peccati”.

La comunità fondata da Marcel Lefebvre ha quindi perso la piena comunione con la Chiesa in seguito al vero e proprio atto scismatico consumatosi nel 1988. L’argomentazione di Lefebvre seguiva questa linea: “Il problema della situazione dei fedeli e della situazione del Papato attuale rende caduche le difficoltà di giurisdizione, di disobbedienza e di apostolicità, perché queste nozioni suppongono un Papa cattolico nella sua fede e nel suo governo”. Per dirla più sinteticamente: nell’ottica di Lefebvre la giurisdizione del Papa, a causa del suo modo di agire, era per così dire sospesa, e dunque non ci poteva essere scisma perché era a Roma, fin dal Concilio Vaticano II, che si era consumata la rottura.

Gli sforzi di riconciliazione sotto il pontificato di Benedetto XVI non hanno mai riportato a un vero e proprio dialogo, ancora in stallo dopo l’elezione di Jorge Bergoglio nel 2013. Nel dicembre 2014 è stato Francesco a organizzare un primo incontro della Commissione vaticana per i rapporti con la Fraternità, seguito, nel settembre 2015, dall’incontro con il vescovo francese Jacques Gaillot (Repubblica, 4 aprile).

Un rapporto che viene da lontano

Fellay sottolinea così l’attenzione di Papa Francesco nei confronti della FSSPX.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni