Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Cosa lega Albert Einstein a Cristo e alla Chiesa cattolica?

Wikipedia/Public Domain
Condividi

Fu il nazismo in Germania ad avvicinare il più grande scienziato di tutti i tempi al cattolicesimo

C’è un filo sottile che lega il più grande scienziato di tutti i tempi, Albert Einstein, padre della Relatività, con Cristo e la Chiesa cattolica. E quel filo si chiama nazismo.

GESU’ E LA BIBBIA

Come spiega Francesco Agnoli in “Filosofia, religione e politica in Albert Einstein” (Esd edizioni) l’ebreo Einstein ammette: «Da bambino ho ricevuto un’istruzione sia sul Talmud che sulla Bibbia. Sono un ebreo, ma sono affascinato dalla figura luminosa del Nazareno». Lo scienziato dice di accettare «senza il minimo dubbio» il Gesù storico «Nessuno può leggere i Vangeli senza sentire la presenza attuale di Gesù. La sua personalità pulsa ad ogni parola. Nessun mito può mai essere riempito di una tale vita».

I “FALSI PROFETI”

Prima di abbandonare la Germania nel 1933 per approdare negli Usa, dove si farà paladino della necessità di un intervento duro e forte contro il nazismo, Einstein ha l’occasione di osservare l’opposizione cattolica al nazismo. I vescovi, «sia gli austriaci che i tedeschi, furono più espliciti nella condanna del nazismo di quanto comunemente ci si renda conto.  Nel 1929 il vescovo Johannes Gföllner di Linz mise in guardia i fedeli contro i “falsi profeti” del nazismo: “Chiudete le orecchie e non unitevi alle loro associazioni; chiudete le porte e non lasciate entrare i loro giornali nelle vostre case; chiudete le mani e non date sostegno ai loro sforzi elettorali”».

IL SILENZIO DELLE UNIVERSITA’

E’ in virtù di questa posizione netta di contrarietà al nazismo, che nel 1940 lo scienziato arriva a dire: «Essendo un amante della libertà, quando avvenne la rivoluzione nazista in Germania, guardai con fiducia alle università sapendo che queste si erano sempre vantate della loro devozione alla causa della verità. Ma le università vennero zittite, e non quotidiani che in ardenti editoriali proclamavano il loro amore per la libertà. Ma anche loro, come le università, vennero ridotti al silenzio, soffocati nell’arco di poche settimane, e non protestarono».

CORAGGIO E LIBERTA’ MORALE

In questo contesto «solo la Chiesa ha fatto quadrato sul percorso della campagna di Hitler per la soppressione della verità».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni