Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Luglio |
San Pietro Crisologo
home iconSpiritualità
line break icon

La morte civile della vergogna che paralizza

Shutterstock/MarinaP

padre Robert McTeigue, SJ - pubblicato il 01/04/16

È il momento di mettere da parte il sudario: lezioni dalla tomba vuota di Cristo

Qual è la verità più importante affidata alla Chiesa? La dichiarazione “Cristo è risorto!” È il fatto più significativo nella storia della creazione.

Visto che Cristo è risorto, il passato può essere guarito. Dal peccato di Adamo alla nostra epoca, la resurrezione è la dichiarazione divina per cui il male non è la forza più grande nella storia umana.

Visto che Cristo è risorto, non bisogna temere il futuro. La resurrezione è la dichiarazione divina per cui la speranza per il futuro non è solo una pia illusione. Cristo, Dio­uomo, ha aperto le porte del paradiso e anche ora intercede per noi presso il nostro Padre celeste. La promessa della resurrezione è quella di poter vedere il volto di Dio e vivere.

Visto che Cristo è risorto, il presente può essere pieno di vita. La resurrezione è la dichiarazione divina che possiamo svegliarci dai nostri brutti sogni per vedere che non siamo orfani ma figli adottivi, eredi amati di un regno. In ogni momento presente ci viene offerta una grazia sufficiente a rifiutare Satana e a ricorrere al nostro Padre celeste.

Passato, presente e futuro, fino all’eternità – non c’è momento della creazione non toccato dalla resurrezione di Cristo. Chi più di Fulton Sheen ha espresso nella nostra epoca questa verità in modo più succinto e al tempo stesso eloquente?

“La croce ha posto le domande, la resurrezione vi ha risposto… La croce ha chiesto: ‘Perché Dio permette il male e il peccato per inchiodare la giustizia a un albero?’ La resurrezione ha risposto: ‘Avendo quel peccato dato il peggio, potrebbe esaurirsi ed essere così vinto dall’amore, che è più forte del peccato e della morte. Emerge qui la lezione pasquale per cui  il potere del male e del caos di qualsiasi momento può essere sfidato e sconfitto perché la base della nostra speranza non è in alcun costrutto di potere umano ma nel potere di Dio, che ha inflitto al male di questa terra una ferita mortale – una tomba aperta, un sepolcro spalancato, una fossa vuota”.

Che tragedia superflua, che spreco di opportunità, se noi cristiani non vivessimo guidati dalla luce della resurrezione e dall’eloquenza di una tomba vuota. Ahimé! Possiamo essere ancora ingannati dalle bugie di Satana. Possiamo essere tentati a credere che la misericordia della croce e la vittoria della resurrezione siano per chiunque tranne che per noi. Satana può usare la vergogna che paralizza o un orgoglio contorto per convincerci del fatto che il nostro peccato è così grande che non se ne possono rimuovere le macchie e l’odore. Se Cristo ha messo da parte il suo sudario (perché non ne aveva più bisogno), possiamo essere ancora legati dal nostro sudario di peccato. Possiamo convincerci che nessun potere possa slegarci.

Ho conosciuto tante persone che si sono rassegnate alla morte civile della rassegnazione ai ricordi vincolanti del proprio peccato. Credo che non riescano ad accettare il perdono di Dio perché non riescono a perdonare se stesse.

Considerate queste parole toccanti dell’autore Louis Evely:

“Li amiamo tutti, perdoniamo tutti… Stiamo però attenti per paura di dimenticare qualcuno. Esiste qualcuno che ci ha delusi e offesi, qualcuno di cui siamo continuamente scontenti e con cui siamo più pieni di rancore di quanto non oseremmo essere con chiunque altro. Siamo noi. Siamo malati della nostra mediocrità, disgustati

  • 1
  • 2
Tags:
crocepasquapeccatoperdonoresurrezionesudario
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni