Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Come passare dall’oscurità alla vita?

Pexels/cc

padre Carlos Padilla - pubblicato il 31/03/16

So che vivrò per sempre...

In mezzo alla mia notte, in mezzo al mio freddo, può sorgere la tentazione del dubbio, come dice Walter Ciszek: “Questa vita non è quello che pensavo. Non è quello che avevo previsto. Non è ovviamente ciò che desideravo. Avendolo saputo non l’avrei mai scelto, non avrei mai fatto questa promessa. Perdonami, Dio mio, ma non voglio mantenere la mia parola. Non puoi obbligarmi a mantenere una promessa fatta nell’ignoranza; non puoi aspettarti che mantenga un impegno basato sulla fede senza una conoscenza previa della realtà della vita. Non è giusto. Non ho mai pensato che sarebbe stato così. Semplicemente, non posso sopportarlo e non andrò avanti. Non ti servirò”.

A volte la tormenta travolge le sicurezze e tutto vacilla. È così il Venerdì Santo. La solitudine e la morte fino alla sera del sabato. Come non dubitare? La morte spaventa. E mi costa credere a una vita impossibile. Com’è successo ai discepoli in quella notte di ombre e tradimento.

Come continuare ad essere fedele se il maestro è morto? Quanto è facile rinnegare le promesse e iniziare un nuovo cammino! Alcuni saranno tornati al paese d’origine. Alcuni camminavano verso Emmaus. Era la cosa più semplice. Tornare a fare quello che sapevano fare.

Per questo la resurrezione irrompe come una scossa. Un colpo che spezza tutti gli schemi. Il cuore si era già abituato all’idea del fallimento e non può comprendere un nuovo inizio. Dubita e teme quello che non controlla.

Mi piace quella fede dei discepoli che non vedono e tuttavia credono. “Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette”. Corrono, entrano, non vedono e credono.

È l’incontro con l’impossibile. Con una vita nuova che non conoscono. Credono. Si sorprendono. Si alzano. E trovano la vita vera. Credono in Gesù vivo anche se il corpo non c’è. Quel corpo scomparso è segno di speranza. O di tradimento. Non si sa.

  • 1
  • 2
Tags:
testimonianze di vita e di fedevita spirituale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni