Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 10 Maggio |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconChiesa
line break icon

Quando bisogna interpretare la Bibbia in modo simbolico e quando letteralmente?

Anelina/Shutterstock

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 22/03/16

2. “Leggere la Scrittura nella Tradizione vivente di tutta la Chiesa. Secondo un detto dei Padri, ‘Sacra Scriptura principalius est in corde Ecclesiae quam in materialibus instrumentis scripta – la Sacra Scrittura è scritta nel cuore della Chiesa prima che su strumenti materiali’. Infatti, la Chiesa porta nella sua Tradizione la memoria viva della Parola di Dio ed è lo Spirito Santo che le dona l’interpretazione di essa secondo il senso spirituale” (Catechismo, n. 113).

3. “Essere attenti all’analogia della fede. Per ‘analogia della fede’ intendiamo la coesione delle verità della fede tra loro e nella totalità del progetto della Rivelazione” (Catechismo, n. 114).

Ci sono altri principi di cui tener conto, e che sono impliciti in quelli già menzionati in precedenza. Tali principi sono delle “piste” per cogliere il messaggio di Dio nella Bibbia:

a) Avere obiettività di giudizio: essere obiettivi nell’interpretare un testo mettendo da parte l’influenza dei nostri atteggiamenti personali, positivi o negativi, sulla lettura del testo. Un altro atteggiamento importante al momento di leggere la Bibbia è avere umiltà, apertura di cuore e docilità all’insegnamento del Magistero della Chiesa, unica garanzia del fatto che non faremo dire alla Bibbia quello che ci conviene.

b) Conoscere il senso di certe parole. Ci sono parole che cambiano di significato, superando le frontiere spaziali e temporali.

c) Conoscere lo stile del libro, ovvero il genere letterario o le forme di espressione.

d) Considerare il contesto del passo: bisogna tener conto del contesto per interpretare correttamente un testo biblico. Per conoscere il contesto, si deve tener conto di quattro aspetti:

1. Collegare i versetti precedenti e successivi al testo.
2. Tener conto del contenuto globale e dell’obiettivo del libro in cui si trova il testo.
3. Conoscere altri scritti dello stesso autore.
4. Considerare il contenuto globale e l’obiettivo di tutta la Bibbia.

e) Dev’esserci armonia tra il senso letterale e il senso spirituale.

Il senso letterale

“Letterale” è un aggettivo impiegato per riferirsi a quella interpretazione che si fa di un testo e che si adatta o è fedele al senso originale delle parole.

È importante tener conto del momento e del luogo in cui è stato scritto.

Il senso letterale, come si diceva in precedenza, non va confuso con la lettura letteralista o testuale, che è l’errore dei fondamentalisti.

Il senso letterale è quello significato dalle parole della Scrittura e trovato
attraverso l’esegesi che segue le regole della retta interpretazione. Omnes
[Sacrae Sripturae] sensus fundentur super unum, scilicet litteralem – Tutti i sen-
si della Sacra Scrittura si basano su quello letterale” (Catechismo, n. 116).

“Significato” vuol dire capire che l’agiografo non ha inserito qualcosa di diverso da quello che aveva in mente; dobbiamo sapere cosa significano quelle parole.

“Trovato” fa riferimento al senso del testo. Leggere un testo biblico non è come leggere il giornale, perché c’è un senso che va scoperto con l’esegesi e le sue regole tenendo conto dell’intenzione dell’autore, dei destinatari, della situazione dell’epoca e del genere letterario impiegato. Non si può quindi leggere un testo biblico come se fosse stato scritto oggi.

Il senso letterale è importante perché leggere la Bibbia non è scorrerla di corsa in modo testuale; se fosse così, papa Pio XII nella sua enciclica Divino Afflante Spiritu (del 1943) non avrebbe esortato, al numero 15, a conoscere le lingue e il testo (a trasferirsi nell’epoca in cui è stato scritto il testo) e a paragonare passi paralleli.

Ciò vuol dire che se il senso letterale fosse semplicemente prendere alla lettera un testo non si potrebbe approfondire né vedere il filo conduttore che lega tutti i libri della Bibbia.

Per questo la Chiesa esorta ad approfondire il senso letterale avvalendosi dell’ermeneutica e dell’esegesi.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
bibbiaesegesi biblica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
5
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni