Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 15 Aprile |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconNews
line break icon

Il 55% di chi accede all’eutanasia legale soffre di curabile depressione

© PublicDomainPictures

Unione Cristiani Cattolici Razionali - pubblicato il 22/03/16

Ad affermarlo uno studio di febbraio

di Roberto Reggi

Il tema dell’eutanasia, e in più in generale del “fine vita”, è molto delicato e dibattuto per le sofferenze personali che sono in gioco e per le possibili ideologie retrostanti.

La morale cattolica è sobria e chiara e in linea col comune buon senso: come l’uccisione di qualunque persona innocente, “il mettere fine alla vita di persone handicappate, ammalate o prossime alla morte”(cioè l’eutanasia o suicidio assistito) è una cosa “moralmente inaccettabile” (CCC 2276). D’altro canto, quando un malato in stato di sofferenza cronica è sottoposto a procedure mediche che sono “onerose, pericolose, straordinarie o sproporzionate rispetto ai risultati attesi” (CCC 2278, il cosiddetto“accanimento terapeutico”), può essere legittima l’interruzione delle cure, accompagnando la morte naturale con sedazione terminale.

Negli ultimi anni in alcune nazioni sono state promulgate leggi che permettono l’eutanasia, all’interno del più ampio quadro della cosiddetta“cultura dello scarto”, più volte denunciata dai papi recenti (942 ricorrenze sul sito del Vaticano). Una nazione che rappresenta un vero e proprio modello a riguardo è l’Olanda, della quale ci siamo già occupati (Ultimissima 21/03/11 e Ultimissima 31/10/11). A partire dalla legalizzazione, quello che è via via emerso in particolare in questo paese è interessante e inquietante: in larga parte dei casi la soppressione dei pazienti è avvenuta senza un loro consenso; in singole cliniche i medici hanno optato per non rianimare pazienti sopra i 70 anni; tra i criteri ammissibili per l’eutanasia sono incluse anche malattie non terminali, disturbi psichiatrici (come ansia e depressione) e fattori sociali (come mancanza di legami sociali e risorse finanziarie).

Uno studio recente permette di cogliere meglio la situazione. Pubblicato su JAMA Psychiatry (febbraio 2016 ), i ricercatori hanno esaminato 66 casi di suicidio assistito avvenuti in Olanda tra il 2011 e 2014. In 36 casi, cioè il 55%, la principale “malattia” che ha portato alla richiesta dell’eutanasia era la depressione. Cosa che, rilevano gli autori, suscita il disappunto di medici non psichiatri, i quali considerano l’eutanasia eventualmente lecita solo nel caso di malattie mediche terminali.

A questo problema si ricollega il paper pubblicato sulla rivista ammiraglia JAMA (una delle più autorevoli al mondo in campo medico) nel gennaio 2016, studio dal significativo titolo: “Perché i medici si possono opporre al suicidio assistito”, iniziando con la lapidaria frase: “Il suicidio medico assistito è sempre giustificabile? No”. Il paper cita uno studio compiuto in Oregon tra coloro che richiedono l’eutanasia e, anche in questo caso, le cause citate sono prettamente di stampo psicologico-sociale: perdita di autonomia (92% dei casi), incapacità di compiere attività (cioè sentirsi inutili, 89%), perdita di dignità (80%), mancato controllo dei proprio corpo (50%), essere un peso per i propri cari (40%). Solo nel 25% dei casi, rileva l’articolo, la causa della richiesta di morire è relativa al dolore fisico provato.

Qualche decennio fa, quando Soylent Green (1973, ambientato nel 2022) era solo un distopico film di fantascienza, nessuno avrebbe effettivamente creduto che negli anni attuali alla frase: “Mi sento depresso o solo, voglio morire”, lo sventurato si sarebbe visto proporre il modulo da firmare. Ma è una logica naturale e inumana conseguenza della strategia del piano inclinato. In pochi anni si è passati dalla comprensibile e lecita richiesta disedazione palliativa nel caso di una dolorosa malattia terminale, alla soppressione attiva con consenso del paziente, alla soppressione a discrezione dei medici e, quindi, alla soppressione per altre malattie organiche non terminali, come la depressione, disturbo assolutamente curabile.

È significativo che da una rivista del calibro di JAMA comincino ad emergere dubbi su queste conclusioni, almeno per l’ultimo passaggio. Quale potrebbe essere una risposta complessiva alla logica della “cultura dello scarto” nel tema del fine vita? Di fronte alla prospettiva della morte, quello che spesso manca è una ricerca di senso ai dolorosi eventi che si stanno vivendo, con la conseguente depressione e richiesta di farla finita. E può mancare anche un solido sostegno familiare, amicale e sociale, che rende soli e impotenti i malati di fronte all’inevitabile futuro. È su questi due ambiti che sarebbe giusto e doveroso cercare di intervenire, cercando di attenuare il senso di vuoto e di solitudine.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
depressioneeutanasiaolanda
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
5
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni