Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 04 Marzo |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Un modo semplice per insegnare a vostro figlio a non interrompervi mentre parlate

hands

Kati Molin

Tudo sobre minha mãe - pubblicato il 21/03/16

Un ottimo suggerimento per educare con amore e affetto

Tutti i padri e le madri sono passati per una situazione di questo tipo: state parlando con qualcuno e vostro figlio chiede attenzione e vuole che smettiate di parlare per ascoltarlo. È un classico nel rapporto tra genitori e figli piccoli…

Abbiamo trovato una soluzione in questo articolo, del blog australiano An Everyday Story, che sembra fare proprio al caso nostro. La tecnica in questione è stata imparata dall’autrice del testo osservando il comportamento di un’amica con il figlio.

Pllaying in Verona 1
Flickr/Christian Ostrosky/CC

Le due stavano chiacchierando in casa quando il figlio dell’amica, di tre anni, è andato dalla madre volendole dire qualcosa, ma anziché interromperla ha messo la manina sul polso della mamma. In risposta, senza interrompere la conversazione, la madre ha messo la mano sulla manina del bambino.

La mamma si è girata verso il bimbo dandogli l’attenzione che desiderava solo dopo aver finito quello che stava dicendo. L’autrice che sostiene questa “tecnica” spiega che è un atto semplice ma allo stesso tempo molto affettuoso.

5917140469_a9acb9b016_z
Flickr/David Salafia/CC

Ha deciso di applicare la stessa tecnica ai propri figli dopo aver stabilito con il marito che anche lui avrebbe fatto lo stesso. Hanno spiegato ai figli che se volevano dire qualcosa mentre un’altra persona stava parlando bastava mettere la mano sul polso di quella persona e aspettare un po’. Secondo l’autrice è servito ben poco tempo perché i bambini cogliessero il sistema e smettessero di interrompere le loro conversazioni.

La cosa più interessante è che in questo modo non c’è bisogno di creare un clima sgradevole ripetendo frasi come “Non interrompermi”, “Stai buono” o “Aspetta e non essere maleducato”. È una questione di tatto, letteralmente.

Vogliamo provare?

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
educazione
Top 10
See More