Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconApprofondimenti
line break icon

Papa Francesco amato dagli anticlericali? Anche Gesù, molto più di lui

© Antoine Mekary / ALETEIA

Pope Francis General Audience - March 02, 2016

Unione Cristiani Cattolici Razionali - pubblicato il 15/03/16

Il giornalista di Libero anche questa mattina ha riciclato il suo zibaldone di critiche catastrofiste: il Papa provocherà «un tragico scisma», la«situazione sembra precipitare ogni giorno di più», per colpa sua «l’umanità finisce nel baratro», «ha picconato la dottrina cattolica», Francesco «è il nuovo Lutero» e amenità varie. Socci si è anche inventato un metodo per valutare l’autenticità dei papi: «negli anni scorsi i pontefici (uomini santi), oltre alle opposizioni interne, hanno dovuto sopportare la durissima ostilità del mondo», ha scritto. «Hanno vissuto una vera Via Crucis. E questa è la prova dell’autenticità». Se le cose stanno così, occorre osservare che l’esistenza stessa del quotidiano stalking mediatico ai danni di Francesco da parte del mondo tradizionalista-lefebvriano -inesistente nei confronti dei suoi predecessori-, dimostrerebbe automaticamente la sua autenticità. Forti sono anche le opposizioni “esterne”, se pensiamo alle critiche dei vari Donal Trump e affini. Quindi sì, secondo i bislacchi parametri di Socci, Papa Francesco è autentico.

Ma lo stesso avviene da sempre anche per Gesù Cristo, per San Francesco d’Assisi, per Madre Teresa di Calcutta, note icone anche del mondo anticlericale. Gesù, in particolare, è diventato nei secoli il pupillo di atei, laicisti e anticlericali, ammirato da Nietzsche a Schopenhauer, mitizzato dai rinascimentali e dagli illuministi, strumentalizzato dai comunisti (“il primo comunista della storia”, dissero), esaltato dal mondo femminista (“il primo femminista fu Gesù Cristo”, dicono), strattonato dalla comunità Lgbt (“Gesù era inequivocabilmente e apertamente omosessuale”). Quante volte leggiamo e sentiamo accuse alla Chiesa e ai cattolici da parte dei loro feroci nemici, criticati per aver tradito il messaggio evangelico e sbiadito la luminosa figura di Gesù Cristo? Non è forse il leitmovie dei tanti Corrado Augias? E si sono mai convertiti tutti loro?

Prendiamo come esempio l’anticlericale Dacia Maraini che, sul Corriere della Sera,ha commentato gli attentati di Parigi accusato le religioni e il monoteismo di tutti i mali della storia. Salvo poi aggiungere: «Come fingere di non sapere che c’è stato Cristo, che ha contraddetto tutto quello che era considerato normale a quei tempi, ha introdotto la pratica dell’umiltà, del rispetto dell’altro, della povertà, dell’uguaglianza?». Gesù, quindi,adulato da chi combatte le religioni e non ha alcuna intenzione di convertirsi: anche il Messia allora non era autentico? Anche lui ambiguo? Oppure sono strumentalizzazioni, esattamente come avviene per Papa Francesco (e per san Francesco d’Assisi ecc.)? Gesù vanta uno stuolo di adulatori e cortigiani immensamente più vasto, servile e soffocante non solo di Papa Francesco, ma anche di Maometto, accusato di pedofilia per aver avuto una sposa bambina di 8 anni, per non parlare di Lutero, fondatore del protestantesimo, considerato un razzista e un antisemita. Se tutto si misura in termini di audience, i socciani dovrebbero quindi negare l’autenticità non solo al Papa, a causa dell’apprezzamento ricevuto dal mondo laicista, ma sopratutto a Gesù Cristo che subisce una imparagonabile ammirazione dai più grandi persecutori dei cristiani. Così come dovrebbero esaltare l’autenticità dei criticatissimi Maometto e Lutero.

Il vaticanista John L. Allenha scritto pochi giorni fa: «C’è una convinzione profondamente radicata che Papa Francesco sia ostacolato dai vescovi conservatori arrabbiati con lui, sia in Vaticano che in tutto il mondo, e che alcuni di questi presunti nemici manovrerebbero contro di lui. In verità la stessa resistenza interna si è verificata anche nel pontificato di San Giovanni Paolo II e il contraccolpo interno subìto da Papa Benedetto XVI è stato molto più cattivo di quello oggi affrontato da Francesco: due autorevoli giornalisti italiani hanno pubblicato un libro intitolato “Attacco a Ratzinger” in cui sono state documentate le varie forze nella Chiesa, tra cui alcuni funzionari del Vaticano e vescovi di tutto il mondo, che non solo hanno criticato Benedetto, ma hanno sovvertito attivamente la sua agenda». Lo stesso, ha proseguito Allen, è accaduto a Papa Giovanni XXIII e Paolo VI. «Non esiste alcuna reale indicazione che il contraccolpo vissuto da Francesco sia superiore a quello dei suoi immediati predecessori».

Bisogna dunque decisamente ridimensionare le critiche interne a Papa Francesco, inferiori a quelle vissute da Benedetto XVI, e sottolineare che nemmeno l’obiezione sui suoi adulatori anticlericali ha alcun senso, poiché sono gli stessi che contemporaneamente ritengono “uno di loro” anche Gesù Cristo, strumentalizzandolo e mitizzandolo. Per quanto ci riguarda, ringraziamo devotamente il Pontefice per il bene che sta facendo, per questi tre anni di autentica guida della nostra Chiesa, custode della tradizione e àncora dell’unità dei cattolici. Ci auguriamo un lungo pontificato e auspichiamo la conversione dei pochi e confusi critici, che ogni Papa è evidentemente destinato ad avere al suo seguito.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
ateismopapa francesco

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni