Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Fede e religione in “The Walking Dead”

Condividi

Diversi i riferimenti alla fede, ma nell’ultimo episodio la serie televisiva potrebbe aver raggiunto il momento più apertamente cattolico di sempre

Chi tra noi è un appassionato di The Walking Dead sarà di certo rimasto stupito dalla potente immagine intorno alla quale ruotava l’intera trama dell’ultima puntata: un rosario stretto tra le dita di Carol, che pensava che la fine fosse vicina e che aveva davvero molto su cui pregare.

Non voglio discutere delle circostanze che hanno portato a questa improvvisa ventata di preghiera nella serie, ma di certo non è la prima volta (e immagino non sia l’ultima) che il cristianesimo, e in modo particolare il cattolicesimo, abbia avuto un ruolo di primo piano.

C’è la presenza del velleitario Padre Gabriel (un episcopale), dal passato oscuro, che sembrerebbe aver lasciato la maggior parte della sua congregazione alla mercé delle fauci dei morti viventi; c’è stata la piccola statua della Madonna sul cruscotto di un furgone che viaggiava spedito su un ponte di Atlanta;  e c’è stata la misteriosa immagine della prima stagione in cui decine di morti erano seduti in una chiesa, con gli occhi fissi sul crocifisso, come se in attesa dell’inizio della Messa. Nella stagione attuale c’è persino un personaggio misterioso di nome Jesus, dalla folta barba, e un gruppo di pericolosi assassini chiamati “I Salvatori” (The Saviors nell’originale).

Diversi quindi i riferimenti religiosi nella serie, ma l’episodio di domenica – con quell’immagine potente del rosario – potrebbe essere stato il momento più apertamente cattolico di sempre. In particolare, il rosario ha contributo a salvare i personaggi in pericolo (anche se l’esito è stato – come prevedibile – sanguinario e orripilante). In alcune interviste, tra cui questa al The Hollywood Reporterl’attrice Melissa McBride ha parlato proprio di quel rosario:

Alla fine di questo episodio, Carol stringe così forte il rosario che la sua mano finisce col sanguinare. C’è forse una parte di lei che sta abbracciando la fede per far fronte a ciò con cui ha avuto a che fare in questo mondo?

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni