Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconChiesa
line break icon

Una testimonianza visiva in un mondo rumoroso e distratto

Jeffrey Bruno

Elizabeth Scalia - Aleteia - pubblicato il 14/03/16

40 anni dopo, ci sono argomentazioni a favore dell'abito religioso?

Verso il 1970, quando noi studenti le chiedevamo del suo passaggio da un abito “aggiornato” a un abbigliamento ordinario, la suora che gestiva il programma della Confraternita per la Dottrina Cristiana della nostra parrocchia dichiarò che l’abbandono dell’abito religioso era una cosa positiva perché sottolineava che le suore non erano “niente di speciale”, che “agli occhi di Dio siamo tutti speciali”.

La suora fece un esempio: “Quando indossavamo l’abito, un amico ambulante che vendeva gelati italiani insisteva sempre nell’offrirci i gelati gratis, ma perché avrebbe dovuto? Perché non potevamo pagare come chiunque altro? Perché avremmo dovuto privarlo del suo sostentamento solo perché indossavamo un costume?”

Al di là della considerazione di quanto sia improbabile per un venditore di gelati andare fallito per aver offerto gratis qualche prodotto, colpisce, quasi 40 anni dopo, capire quanto fosse pienamente “orizzontale” il pensiero della religiosa: aveva un po’ di ampiezza, ma né altezza né profondità. Come con le Messe e gli inni “concentrati a livello orizzontale” che ponevano un’enfasi eccessiva sull’umanità della Chiesa sminuendo la trascendenza della sua liturgia e del suo scopo, la suora abbracciava la larghezza della croce – l’umanità e la Chiesa che si avvicinano – senza considerare che l’asse verticale, concentrata sul cielo, è fondamentale se si vuole essere elevati.

La suora stava agendo con caparbia illusione; giustificava il fatto di abbandonare l’abito con appelli a solidarietà, compassione e umiltà, ma la sua vicenda mostrava egoismo e presunzione. Deplorava la possibilità di ingannare un uomo sottraendogli il suo salario, ma nei fatti lo stava ingannando comunque, anche se non nel modo che immaginava.

  • 1
  • 2
Tags:
donne nella chiesasuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni