Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

L’ultima lettera delle suore trucidate in Yemen

Condividi

“Insieme viviamo, insieme moriamo con Gesù, Maria e la nostra Madre Teresa”.

​”Insieme viviamo, insieme moriamo con Gesù, Maria e la nostra Madre”. Così scrivevano le quattro suore Missionarie della Carità – la congregazione fondata da Madre Teresa di Calcutta – uccise nello Yemen da un commando di fanatici islamisti, nell’ultima lettera inviata a giugno 2015 alle consorelle di Roma. Il contenuto della lettera è stato rivelato da suor Serena, in un’intervista di Pina Cataldo per il Tg2000, il telegiornale di Tv2000. “Per quell’amore e cuore di madre che avevano – ha spiegato suor Serena – non potevano abbandonare i loro ospiti che amavano e nei quali si identificavano. Volevano condividere le loro gioie e sofferenze e rimanere con loro fino alla fine”.

“Abbiamo ritrovato in questi giorni – ha proseguito suor Serena – una loro lettera e rileggendola abbiamo compreso ora un significato molto più profondo e diverso alla luce di questi ultimi fatti”. Nella missiva, riferisce la religiosa “le suore ci hanno scritto così: ‘Ogni volta che i bombardamenti si fanno pesanti noi ci inginocchiamo davanti al Santissimo esposto, implorando Gesù misericordioso di proteggere noi e i nostri poveri e di concedere pace a questa nazione. Non ci stanchiamo di bussare al cuore di Dio confidando che ci sarà una fine a tutto questo. Mentre la guerra continua ci troviamo a calcolare quanto cibo potrà essere sufficiente. I bombardamenti continuano, le sparatorie sono da ogni parte e abbiamo farina solo per oggi'”.

“Come faremo a sfamare domani i nostri poveri? Con fiducia amorevole – scrivevano le suore – e abbandono totale, noi cinque corriamo verso la nostra casa d’accoglienza, anche quando il bombardamento è pesante. Ci rifugiamo a volte sotto gli alberi pensando che questa è la mano di Dio che ci protegge. E poi corriamo di nuovo velocemente per raggiungere i nostri poveri che ci attendono sereni. Sono molto anziani, alcuni non vedenti, altri con disabilità fisiche o mentali. Subito iniziamo il nostro lavoro pulendo, lavando, cucinando utilizzando gli ultimi sacchi di farina e le ultime bottiglie d’olio proprio come la storia del Profeta Elia e della vedova. Dio non può mai essere da meno in generosità fino a quando rimaniamo con lui e i suoi poveri. Quando i bombardamenti sono pesanti ci nascondiamo sotto le scale, tutte e cinque sempre unite. Insieme viviamo, insieme moriamo con Gesù, Maria e la nostra Madre”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni