Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconCultura
line break icon

Un uomo, un camper e la strada (e sua moglie con i sei bambini)

Michael James Mette - pubblicato il 10/03/16

Intervista al musicista itinerante Michael James Mette

Avevo il terrore di avere figli. Temevo una vita monotona, come congelata. In realtà è successo l’opposto.

Incontriamo il musicista cattolico Michael James Mette. Non ci vuole molto per capire che lui è più unico che raro. Riesce a far conciliare una carriera musicale di successo, con concerti in tutti gli Stati Uniti, ed essere marito e padre di sei bambini. Il motivo? Tutta la famiglia lo segue ovunque vada.

Abbiamo incontrato Michael per scoprire un po’ di più la vita a bordo del camper della famiglia Mette.

Com’è vivere con 6 bambini in un camper, viaggiando per tutto il Paese?

Viaggiare con la famiglia è una delle migliori decisioni che abbia mai preso in vita mia. Non che manchino le sfide, e a volte sembrano che i giorni non passano mai. E quando i bambini hanno il mal d’auto oppure quando il tempo non permette loro di andare a giocare fuori, può essere una sfida particolarmente grande. Detto questo, sento davvero che è questo ciò per cui Dio mi ha creato.

Qual è la cosa più particolare che ti è successa durante i tuoi viaggi?

Una cosa davvero bella è stata quando la stella del baseball Ken Griffey, Jr. è venuto di persona nel nostro camper Airstream.  Stavamo provando a venderlo su eBay per poter comprare quello che poi è diventato il nostro attuale bus da tour. Qualcuno della Entertainment & Sports Programming Network voleva acquistarlo, ma viveva a Los Angeles. E quindi, invece di mandare un ispettore professionista, ha mandato il suo amico Ken a dare un’occhiata. È stato davvero in gamba e abbiamo chiacchierato per una mezz’oretta buona. Gli ho dato il mio CD. La cosa pazzesca è che qualche settimana dopo ci ha mandato degli sms, solo per sapere come stavamo. Quanto è piccolo il mondo!

E la cosa più complicata, qual è stata?

Le persone pensano sempre che la sfida più grande è data dallo spazio ristretto. Fino a quando c’è bel tempo, non è vero. La sfida più estenuante è stata riuscire ad avere internet decente e una buona connessione telefonica. Ogni tanto i bambini sfoggiano gli occhioni più teneri che hanno e chiedono: “Quando potremo andare in una scuola vera?”. Ecco, questa è una cosa dura. Spesso mi rendo conto che parlano con un cugino o un amico che ha appena iniziato qualche attività pomeridiana e loro improvvisamente vogliono iniziare a fare la stessa cosa.

E quali sono le più grandi gioie e i vantaggi del tuo stile di vita?

Vediamo molto di questo paese. Facciamo tante di quelle cose che molte persone hanno aspettato tutta la vita prima di poterle fare. Siamo stati in 44 dei 50 Stati, e con un lavoro parrocchiale non saremmo mai riusciti a fare una cosa del genere. E perché siamo noi a insegnare ai nostri figli, possiamo gestire tutto come è più comodo, evitando di imbatterci in file oceaniche di persone. I martedì mattina sono ideali per visitare le città. E riusciamo anche a uscire dai binari delle attrazioni turistiche; spesso chi ci ospita per i concerti ci dedica del tempo per mostrarci dove vanno e cosa fanno le persone del posto, e questo è sempre divertente.

Vedremo una band di famiglia in futuro?

Posso immaginare qualcosa del genere. Gabby (la mia figlia 12enne) ha una voce meravigliosa e sta imparando a suonare il basso. Trinity invece (10 anni) si sta dedicando al violino e al piano. Gli altri figli hanno puntato su chitarre e batteria. Mi piace pensare che un giorno saremo tutti insieme sul palco; comunque, cerco di non forzare le aspettative che ho su di loro. Se loro preferissero dedicarsi agli sport, al disegno o al ballo invece che alla musica, a me andrebbe bene.

Per seguire le avventure di Michael James Mette, e per richiedere un’esibizione presso la tua parrocchia, visita il suo sito web.

La canzone in alto, “The Beat Goes On”, parla delle seconde opportunità nella vita ed è presa dall’album Arts + Humanity, uscito nel 2015 e disponibile su iTunes.

Libby Reichert

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
Ceciliafamiglie numerosemusica cristianaviaggio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni