Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconChiesa
line break icon

Un sacerdote può usare il cellulare in confessionale?

Ollyy/Shutterstock

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 10/03/16

Il Mercoledì delle Ceneri sono andato a confessarmi, e al momento del mio pentimento ho chinato la testa e ho chiuso gli occhi, e quando li ho riaperti ho visto che il sacerdote che mi stava confessando usava il suo smartphone (non so se ha risposto a un messaggio o si è scattato un selfie). Ho pensato che fosse l’ultima Messa della giornata e forse era stanco, ma mi ha sconcertato, e ho mandato giù perché per me era un giorno molto importante, perché non andavo in chiesa da tre anni… Che si fa in questi casi?

I sacramenti – in questo caso la confessione – hanno la propria efficacia al di là dell’atteggiamento della persona che li amministra, maggiore o minore in base all’apertura e alla disposizione della persona che li riceve.

In teologia esistono le espressioni ex opere operato ed ex opere operantis.

Queste formule all’inizio sono state utilizzare per indicare il valore salvifico oggettivo della crocifissione di Gesù da un lato, e l’azione soggettiva di quanti lo hanno crocifisso dall’altro. Poi sono passati alla teologia sacramentale per spiegare il rapporto tra sacramento e fedele o ricevente.

1. Ex opere operato: Ex opere operato indica il modo oggettivo di operare dei sacramenti: questi infondono la grazia nel soggetto in virtù dell’azione sacramentale debitamente compiuta, in virtù e per autorizzazione divina.

Questa espressione si applica ai sacramenti in sé per significare che questi hanno la propria efficacia indipendentemente da chi sia il ministro ordinato (vescovo, sacerdote, diacono), o dal fatto che questo sia santo o meno, o che eserciti o meno il suo ministero in stato di grazia.

Che si vuole dire con questo? Che i sacramenti hanno la propria virtualità, indipendentemente da chi li amministra. I sacramenti “lavorano” o operano ex opere operato, e quindi non importa tanto chi sia il ministro ordinato.

2. Ex opere operantis: Questa espressione si applica ai fedeli. L’ex opere operantis è ciò che deve mettere chi vuole ricevere i sacramenti.

Anche se è vero che bisogna sottolineare la causalità salvifica esclusiva di Dio, è anche importante la risposta di fede data dal soggetto, anche se è in secondo piano rispetto all’azione di Dio.

L’atteggiamento previo del fedele ricevente al momento di ricevere il sacramento e la conseguente disponibilità alla risposta adeguata sono le disposizioni idonee per riceverlo.

I sacramenti non sono azioni “magiche” che producono effetti, ad esempio, in coloro che non hanno la disposizione corretta (inclusa la mancanza di preparazione o l’insufficienza di questa) o sono in peccato.

Non dev’esserci ostacolo alla grazia da parte del fedele che vuole o può riceverla.

È quindi necessaria la disposizione corretta del soggetto nel ricevere i sacramenti. Se le disposizioni sono insufficienti o nulle, la grazia non darà frutto.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
confessionaleconfessionesacerdoti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni