Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Chiesa

Il papato? Benedetto e Francesco la pensano allo stesso modo

© OSSERVATORE ROMANO / AFP

ITALY, CASTEL GANDOLFO : This handout picture released by the Vatican press office on March 23, 2013 shows "pope emeritus" Benedict XVI (R) and Pope Francis praying in Castel Gandolfo. Pope Francis prepared to go face to face with his predecessor Benedict XVI on Saturday in a historic meeting between two men with very different styles but important core similarities. AFP PHOTO / OSSERVATORE ROMANO/HO RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / OSSERVATORE ROMANO" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

Vatican Insider - pubblicato il 10/03/16

L’idea ecumenica di «un portavoce della cristianità»

di Francesco Peloso

Da quando tre anni fa papa Francesco é stato eletto al soglio pontificio, uno degli argomenti che hanno maggiormente catturato l’attenzione dei media, è stato quello della riforma della Curia vaticana accompagnata da un più generale decentramento dei compiti e delle attività svolte dal papa e dai suoi più stretti collaboratori, per investire di maggior ruolo i singoli vescovi e le diverse conferenze episcopali nazionali e continentali.

A ciò si aggiunga che, fin dal principio, Bergoglio ha spiegato come il papa non dovesse più dire l’ultima parola in relazione a ogni problema aperto nel mondo contemporaneo (non è in grado, non è nelle sue possibilità né a questo si riduce il suo mandato) pur non rinunciando al proprio ruolo di guida e di pastore della Chiesa universale. Insomma il papa resta principio di unità spogliato però di una veste assoluta o monarchica e anzi in una relazione viva di dialogo con gli altri vescovi; del resto lo stesso ruolo di capo della Chiesa universale comporta da tempo una tale mole di lavoro da rendere il compito quasi impossibile da assolvere, o comunque estremamente faticoso. Peraltro il rischio – individuato dagli ultimi pontefici – è quello che per rispondere a tutte le esigenze concrete, rinunci agli aspetti spirituali del proprio ministero, o al rapporto diretto con fedeli, vescovi, collaboratori. Francesco, ponendo questi temi, ha sollevato il nodo della collegialità, cioè di una condivisione delle decisioni o delle risposte che la Chiesa prova a dare alla condizione umana del proprio tempo. In tal senso il sinodo dovrebbe diventare sempre di più sede del confronto aperto e libero fra i vescovi.

Molte di queste tematiche non sono ovviamente nuove, ma è interessante osservare come già il cardinale Joseph Ratzinger, da attento studioso della vita della Chiesa le avesse poste sul tappeto in modo problematico. In particolare in un libro, «Dio e il mondo», scritto con il giornalista e amico Peter Seewald e risalente al 2001. Nel volume il Cardinale-Teologo affronta le questioni legate alla riforma del papato, fra l’altro fa una breve sintesi della storia dell’istituzione fino ai giorni nostri nella quale afferma: «… più tardi è nato lo stato pontificio, che certo ha comportato molte insane commistioni e infine è crollato nel 1870, grazie a Dio, dobbiamo dire oggi. Al suo posto è subentrata la costruzione di un ministato, che ha solamente la funzione di garantire al papa la libertà del suo servizio. Se i meccanismi di funzionamento di quest’apparato possano essere ulteriormente semplificati, è una questione che può essere affrontata».

Così, dunque, si esprimeva il Teologo negli anni conclusivi del lunghissimo pontificato wojtyliano e poi aggiungeva: «Il numero delle encicliche scritte dal papa, la frequenza dei suoi interventi, sono tutte questioni che variano a seconda delle circostanze e del temperamento stesso dei diversi pontefici. Possiamo comunque chiederci se, nonostante tutto questo, il compito non rimanga eccessivamente oneroso. La massa dei contatti impostigli dalle responsabilità nei confronti della chiesa universale; le decisioni da prendere; la necessità di non trascurare lo stato contemplativo, di radicare la propria missione nella preghiera – tutto questo rimane un dilemma». Insomma il futuro Benedetto XVI aveva già ben chiaro il grumo di questioni poste in epoca contemporanea a un’istituzione che rischiava di essere travolta da un eccesso di «funzionalismo».

«Si può ragionare – affermava ancora il Cardinale tedesco – sul contributo che forme di decentramento potrebbero dare all’alleggerimento delle funzioni papali. Il papa stesso (Wojtyla, ndr) nella sua enciclica ecumenica, ha chiesto che venissero avanzati suggerimenti e proposte su una possibile riforma dell’istituzione papale». Un riferimento al tema posto da Giovanni Paolo II verrà compiuto anche da papa Francesco. Ancora molto significative alcune osservazioni compiute da Ratzinger in prospettiva ecumenica e non solo. Intanto il cardinale sottolineava l’importanza delle visite ad limina dei vescovi di tutto il mondo in quanto garantivano un incontro personale meno rituale e più informale fra lo stesso pontefice e i vescovi, quindi guardava al futuro ipotizzando un papa che divenisse – anche per altre confessioni cristiane – «portavoce della cristianità, un simbolo dell’unità dei cristiani. E se il papato venisse riformulato in questa direzione, potremmo dichiararci d’accordo, dicono alcuni. In ogni caso si tratta di un compito oneroso, quasi al di là delle forze umane. D’altro canto è anche un compito imprescindibile e che con l’aiuto del Signore può essere portato a termine».

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ecumenismopapato
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni