Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Febbraio |
Sant'Agata
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

In Germania si insegna ai migranti come fare sesso

1457448119-1457448014-04

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 09/03/16

E’ stato lanciato Zanzu.de, una guida con una visione orientata sulle tesi del mondo Lgbt

Il governo tedesco ha inaugurato una pagina web in cui vengono spiegati ai migranti che arrivano in Germania i comportamenti a cui si devono attenere se vogliono avere rapporti sessuali con le donne tedesche.

Il sito, chiamato Zanzu, my body in words and images, è stato aperto dal Centro Federale per l’Educazione alla Salute (Ministero della Salute) (Bundeszentrale für gesundheitliche Aufklärung) in cooperazione con il governo del Belgio.

CONSIGLI SUL SESSO

Il video introduttivo con cui si apre la pagina spiega chiaramente quale sia lo scopo prefissato: «dare consigli sul sesso e la sessualità ai migranti che non hanno ancora vissuto in Germania per molto tempo».

Diviso in sei sezioni la pagina utilizza degli espliciti disegni per ritrarre degli atti sessuali interrazziali tra persone, con spiegazioni anche sull’omosessualità, bisessualità e “transgenderismo”.

COME SI PERDE L’ONORE

Disponibile in 13 lingue, tra cui l’arabo, il turco e il farsi, nel sito è chiaramente spiegato come esso sia destinato soprattutto alle persone non-bianche (nonwhites) provenienti dai Paesi del terzo mondo.

CI sono varie sezioni tra cui una chiamata “diritti e leggi” spiega ai nuovi arrivati perché non debbano praticare violenze sessuali sulle donne. Poi si insegnano ai migranti le modalità secondo cui in Europa si perde l’onore, ad esempio, perdendo la verginità prima del matrimonio, scappando via di casa, vestendosi in modo osé (zanzu.de).

IL MATRIMONIO GAY

In un’altra, si parla di matrimoni: «Spesso i giovani possono decidere se vogliono sposarsi o no. Secondo la legge in Europa, non si può sposare qualcuno che non vuole sposarti. Il matrimonio forzato è vietato dalla legge. Ogni individuo ha il diritto di scegliere un partner».

Subito dopo si fa passare anche un altro messaggio: «In diversi paesi europei, le persone omosessuali possono anche sposarsi o entrare in un’unione registrata». Senza tuttavia offrire dettagli e modalità sul matrimonio gay.

L’ORIENTAMENTO SESSUALE

Una sezione sull’orientamento sessuale insegna ai migranti che «l’orientamento sessuale è il genere a cui una persona è attratta romanticamente e sessualmente. Si può essere attratti da una persona di un altro sesso (eterosessualità), ad una persona dello stesso sesso (omosessualità) o per gli uomini e le donne (bisessualità). Nessuno può scegliere il suo orientamento sessuale. I genitori non possono influenzare attraverso l’educazione se i loro figli diventano omosessuali, eterosessuali o bisessuali»

UNIONI “MISTE”

In Germania, in particolare, «si ha diritto ad amare chi vuoi tu, indipendentemente dal tuo orientamento sessuale: gli uomini possono amare ed avere rapporti con donne o uomini; le donne possono amare e avere rapporti con uomini o donne. Naturalmente, transessuali e intersessuali possono scegliere liberamente se vogliono stare con un uomo, una donna o una persona intersessuale».

TIPOLOGIE DI RAPPORTI

Nella sezione “Tipologie di sesso”, poi, si tocca l’apice, con immagini che ritraggono scene di sesso interrazziale. Con il retropensiero, magari, di favorire questo tipo di unioni, sempre dopo che gli immigrati abbiamo superato il test di galateo e siano stati debitamente “rieducati” (Internazionale, 9 marzo).

UN “MODELLO”…DA ESPORTARE

Secondo la Sueddeutsche Zeitung (28 febbraio) si giustifica questo portale come un sito che si occupa di educazione sessuale poiché i migranti nei loro paesi d’origine non hanno tali “fondamenti”. Inoltre l’autorevole quotidiano tedesco annuncia che il prossimo obiettivo degli ideatori di Zanzu è di esportare questo “modello” di sessualità ai migranti…in tutto il mondo.

Tags:
educazione sessualegermaniamigrantiomosessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni