Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconSpiritualità
line break icon

Dio non cancella solo i nostri rimpianti. Fa nuove tutte le cose

Pawel Loj

Catholic Link - pubblicato il 09/03/16

di Genevieve Philipp

Come vedrete nel video di oggi, le possibilità non colte o i sogni non realizzati spesso provocano rimpianti nella nostra vita. Nella nostra mente girano sempre domande che iniziano con “E se…” e ipotesi che si basano sul “Se solo…”. Ma i rimpianti sono semplicemente cose che ci tormentano di notte quando cerchiamo di dormire o possono essere trasformati in qualcosa che ha un valore redentore?

Consideriamo l’origine del rimpianto. La maggior parte dei rimpianti che appaiono sulla lavagna ha un tema negativo in comune. Non è il fatto che la gente abbia provato e abbia fallito, ma il fatto di non provare, non fare e non esplorare ad aver provocato il rimpianto. Non dev’essere così!

I nostri rimpianti per omissione possono derivare dalla paura di fallire, da una brutta esperienza passata o da un altro ostacolo. Questi ostacoli sono i nostri Golia, e per sconfiggere un Golia bisogna avere fiducia in Dio. Non lo rimpiangeremo perché abbiamo agito in fede, e questo è ciò che conta di più. La storia di Davide e Golia non serve per dire che Davide ha vinto, ma per mostrare che Davide ha confidato nel fatto che Dio avrebbe tirato fuori qualcosa di straordinario da una situazione scoraggiante.

E se avete già dei rimpianti nella vostra vita? Non sono senza speranza. San Paolo ci esorta a perseverare al di là dei nostri rimpianti: “Fratelli, io non ritengo ancora di esservi giunto, questo soltanto so: dimentico del passato e proteso verso il futuro, corro verso la mèta per arrivare al premio che Dio ci chiama a ricevere lassù, in Cristo Gesù” (Filippesi 3, 13-14).

Anziché cancellare semplicemente i nostri rimpianti come se fossero parole su una lavagna, Dio può prenderli e trarne il bene in un modo in cui si può vedere questo bene senza residui di rimpianto. Ad esempio, Adamo è colpevole del più grande errore dell’umanità – aver mangiato il frutto proibito. È stato decisamente sbagliato, ma la risposta di Dio è stata mandare il suo unico Figlio nel mondo!

Generazioni e generazioni hanno atteso il Messia, e quando Cristo è arrivato Egli era il “nuovo Adamo” inviato per salvarci. Dio ci può trasformare in “nuovi noi” – persone perdonate e redente. Questi “nuovi noi” saremo ancora noi, ma senza il rimpianto e le tracce del peccato. Senza queste negatività che ci ostacolano, saremo più vicini a Cristo, il nostro Salvatore. Se Dio ci può salvare dall’errore di Adamo, possiamo confidare nel fatto che aiuterà anche noi.

“Davvero era necessario il peccato di Adamo, che è stato distrutto con la morte del Cristo”.

Questa Pasqua, quando pronunceremo l’Exultet pasquale, pensiamo alla sua novità. Non c’è rimpianto dal quale Dio non ci possa liberare. Nella confessione, Dio perdona completamente. Si inizia daccapo – una lavagna pulita, senza nemmeno i segni del cancellino o la polvere del gesso – per affrontare il mondo senza rimpianti che ci tengano svegli di notte.

Domande per la riflessione:

1. “La Quaresima è un tempo di rinnovamento per tutta la Chiesa Quaresima è un tempo di rinnovamento per la Chiesa, le comunità e i singoli fedeli. Soprattutto però è un ‘tempo di grazia’”, ha scritto papa Francesco nel suo Messaggio per la Quaresima 2015. Cosa potete fare in questa Quaresima per rinnovare il vostro rapporto con Dio?

2. Considerate Davide e Golia, e riflettete sui rimpianti della vostra vita. Derivano dalla mancanza di azione? Derivano dal fatto di andare contro la volontà di Dio? Come possono trasformarsi in benedizioni?

3. Come avete aiutato o come potreste aiutare un’altra persona a superare il rimpianto? Qualcuno ha bisogno del vostro perdono perché vi ha fatto del male?

Se riconosciamo i nostri peccati, egli che è fedele e giusto ci perdonerà i peccati e ci purificherà da ogni colpa” (1 Giovanni 1, 9). Prendetevi del tempo per stare semplicemente con Dio e considerare tutto il bene che ha tratto dai vostri errori. Potreste anche consultare una guida spirituale perché vi aiuti a vedere il bene che Dio sta compiendo nella vostra vita nonostante tutte le negatività.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
diomisericordiapentimentoquaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni