Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco: “Le suore martiri nello Yemen uccise anche dall’indifferenza”

© VINCENZO PINTO / AFP
Papa no Angelus de 18 de agosto de 2013
Condividi

All’Angelus il Pontefice afferma che le quattro religiose assassinate in un attentato sono “martiri in cielo con Madre Teresa”. E benedice i corridoi umanitari per i profughi

«Dobbiamo rigettare ogni compromesso col male». All’Angelus il Papa benedice i corridoi umanitari per i profughi e sottolinea come le suore martiri nello Yemen siano state uccise anche dall’indifferenza. «Questi sono i martiri di oggi, e non sono copertine dei giornali, non sono notizie», dice a braccio ai fedeli che gremiscono piazza San Pietro. Sull’attentato in Yemen in cui sono state uccise quattro suore di Madre Teresa che assistevano anziani, insieme ad altre dodici persone, evidenzia: «Queste danno il loro sangue per la Chiesa, sono vittime dell’attacco di quelli che le hanno uccise e anche dell’indifferenza di questa globalizzazione dell’indifferenza, a cui non importa».

Francesco indica la Quaresima come “strada di conversione” e scandisce: «Nessun compromesso con il peccato», prendendo spunto dalla parabola del figlio prodigo «o meglio del padre misericordioso», precisa. Parole cariche di emozione e attualizzate alla luce dei drammi di oggi. Spiega il Pontefice: «Accanto al figlio minore che il Padre aspettava salendo ogni giorno sul terrazzo per vedere se tornava e al figlio maggiore che si sentiva giusto, un atteggiamento anche quello cattivo, che il Padre voleva perdonare andando incontro anche a lui». Quindi nella parabola del Figliol prodigo «si può intravedere anche un terzo figlio, nascosto! È quello che non ritenne un privilegio l’essere come il Padre, ma svuotò sé stesso, assumendo una condizione di servo».

E’ la catechesi della misericordia. «Questo Figlio-Servo è l’estensione delle braccia e del cuore del Padre- precisa papa Bergoglio- Lui ha accolto il prodigo e ha lavato i suoi piedi sporchi; Lui ha preparato il banchetto per la festa del perdono. Lui, Gesù, ci insegna ad essere misericordiosi come il Padre». Francesco descrive il comportamento che ha “Dio con noi» e cioè «ci lascia liberi, anche di sbagliare, perché creandoci ci ha fatto il grande dono della libertà, sta a noi farne un buon uso».

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.