Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Cosa accade dopo la morte di Gesù?

© Anilah / Shutterstock
Condividi

Padre Raniero Cantalamessa ricostruisce i momenti successivi alla Passione di Cristo e ne evidenza gli aspetti simbolici

Dopo aver richiesto con violenza la sua morte, una volta passata la fittizia eccitazione del suo comportamento di fronte a Pilato, la folla aveva cominciato a rendersi conto della tragica conseguenza del grido «crocifiggilo». Vendendolo morire, capiva meglio che era innocente e si rammaricava delle proprie azioni. L’ostilità lascia il posto al pentimento. Nel cuore di quello folla da lui tanto amata, Gesù comincia a penetrare, grazie alla sua morte.   

GLI AMICI CHE SI AVVICINANO ALLA CROCE

Vi è un contrasto tra la folla che se ne va e gli amici che restano sul posto. Essi hanno ripreso coraggio, il loro comportamento è diventato più fermo. Fermandosi accanto alla croce dopo la sua morte, lasciano apparire la costanza del loro affetto per Cristo. Basti pensare a Giuseppe di Arimatea. Come membro del Sinedrio non aveva osato esprimere la simpatia che provava per Gesù, né intervenire pubblicamente in suo favore nel corso del processo. Dopo la morte trova l’audacia che gli era mancata in precedenza e va da Pilato per chiedergli il corpo di Gesù. Così facendo prende apertamente posizione in favore di Cristo, si compromette. Il disastro della croce suscita un nuovo coraggio, diffide già, in maniera discreta, l’energia che galvanizzerà i discepoli nel momento della risurrezione.

LA LANCIA NEL COSTATO

Infine gli ebrei subito dopo che Gesù china il capo chiedono a Pilato di spezzargli le gambe per accelerarne la morte, poiché si avvicinava il “rispetto del sabato” che per loro coincideva con la festa di Pasqua. Ma è qui che si consuma l’ennesimo intervento divino: dopo il supplizio doloroso della Passione, a Gesù si riserva un gesto inatteso. Nessuna orribile mutilazione ma una colpo di lancia scagliato da un soldato nel costato, che verifica così la sua morte.

UN GESTO ISPIRATO DA DIO

Un gesto frutto dell’ispirazione del Padre che vuole dare al mondo un crocifisso con il petto aperto. Il colpo di lancia non è più una sofferenza per Gesù: l’amore che Cristo ha dato per gli uomini ora è inciso e fissato per sempre nel costato trafitto. Nel sangue e nell’acqua che colano c’è l’immagine della fecondità di quell’amore che il Cristo non ha voluto tenere per sé.

 

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.