Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconArte e Viaggi
line break icon

Il dovere e la bellezza della diversità: alla riscoperta della vocazione femminile

Pixabay.com/Public Domain/ © benscherjon

Silvia Lucchetti - Aleteia - pubblicato il 02/03/16

Guardare a Maria per ritrovare “lo straordinario potere delle donne” di accogliere e custodire la vita

Da pochi giorni è in libreria l’ultimo lavoro della giornalista e scrittrice Costanza Miriano“Quando eravamo femmine. Lo straordinario potere delle donne” (Sonzogno Editori) che ha immediatamente conquistato la vetta nelle classifica di vendite di Amazon. Nel libro l’autrice si rivolge a due piccole donne, alle sue figlie Livia e Lavinia che, seppur ancora bambine possiedono già, per natura, lo “straordinario potere” e dono femminile di accogliere la vita.

«(…) Vedo le mie bambine e penso – e mi si stringe il cuore – alla speciale dimestichezza che abbiamo con la sofferenza, una frequentazione che ce la rende presto familiare, quasi amica, perché noi sappiamo che serve a qualcosa, come quando andiamo a farci bucare le orecchie, o tocchiamo il ferro da stiro con la mano per sentire se è caldo (…) Forse sono solo piccoli preparativi per il parto, la sofferenza che più di tutte serve a qualcosa, serve così tanto che poi ci sembra pure poca (…) Guardo con tenerezza (…) alla voglia che avete, inconsapevole ancora, “di riparare la vita”. Guardo a questa capacità di vita che avete. Capacità nel senso, etimologico, di spazio per contenere. Chiamiamolo grembo, utero, cuore, comunque sia è lo spazio interiore che ha ogni donna di accogliere e “risistemare” ogni cosa che la circonda».

Il dono diaccogliereecustodire la vita a cui si riferisce l’autrice non riguarda solo la capacità procreativa biologica affidata alle madri, ma consiste nella peculiarità di essere feconde, “fecondissime”, che può caratterizzare anche le donne che non hanno avuto figli e quelle consacrate che «(…)con un lavoro di scavo in profondità, e poi di cesello, di pazienza, imparano a fare i conti con il vuoto del loro grembo e lo vivono non come frustrazione o carenza affettiva (…) le loro viscere materne, se sono donne consegnate a Cristo, le rendono grembo per gli altri, fonti fresche di vita nella loro capacità di adattarsi alle situazioni, accogliere, trovare soluzioni, mediare».

christmas-1038369_960_720
Pixabay.com/Public Domain/ © Falco

La domanda intorno a cui ruota il libro e che interessa tutti, femmine e maschi, riguarda il ruolo della donna e come possa realizzarsi autenticamente nella società attuale. Perché le donne occidentali sono sempre e ancora (più) infelici? Cos’è che le rende tristi oggi nonostante la conquista di tutti i diritti, l’emancipazione sessuale ed economica, la libertà totale dai vincoli col passato?

«(…) può essere che il modello di donna che ci viene proposto oggi, quello che va per la maggiore, non funzioni. Mi chiedo insomma se una parte di questo dolore, o anche semplicemente fatica, possa venire anche dalla monumentale difficoltà di tenerli, i ruoli, tutti insieme. (…) C’è qualcosa che le nostre mamme non ci hanno detto? Mentre combattevano per conquistarci diritti preziosissimi, di cui non le ringrazieremo mai abbastanza e di cui noi tutte beneficiamo, si sono perse qualcosa per strada? Insomma, il femminismo ci ha fregate? Ed è solo quello il problema? O c’è qualcosa di più profondo? Qualcosa che riguarda ogni donna in ogni tempo, e che ha a che fare con le risposte alla nostra vocazione?»

A questa domanda ogni capitolo del libro, che viene proposto in forma di lettera, offre una risposta basata su esperienze personali, profonda ma naturalmente mai del tutto esaustiva, con la consapevolezza che ogni donna dovrà rintracciare le cause e i motivi della sua insoddisfazione per trovare equilibrio e autentica realizzazione. Dalle storie di vita che l’autrice propone emerge un filo conduttore comune.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
costanza mirianodonneemancipazione femminilefemminilitàmadonnaobbedienzapapa francescovirilitàvocazione femminile
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni