Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Macintosh è cattolico e il Dos protestante: parola di Umberto Eco

Condividi

Il prodotto di Steve Jobs, affermava, è “cattolico controriformista, e risente della ‘ratio studiorum’” dei gesuiti

Correva l’anno 1994, e il professor Umberto Eco, curatore della rubrica settimanale “Le bustine di Minerva“, pubblicava un’arguta riflessione sui modelli informatici che si stavano imponendo nel mondo: Macintosh da una parte e Dos/Windows dall’altra.

DUE MODELLI OPPOSTI

Ad ognuno dei modelli Eco faceva corrispondere una religione. Ovvero, ad ogni logica che è alla base dei rispettivi sistemi operativi, l’intellettuale offriva un parallelismo di tipo religioso. Nessun riferimento agli utenti che li adoperano, ma esclusivamente al funzionamento della macchina. Da una parte, Macintosh con le sue icone di forte impatto visivo, dall’altra, Dos con una serie di comandi da digitare per svolgere differenti operazioni.

CATTOLICO VS PROTESTANTE

«È mia profonda persuasione che il Macintosh sia cattolico e il Dos protestante – sentenzia Eco – anzi, il Macintosh è cattolico controriformista, e risente della “ratio studiorum” dei gesuiti. Perché «è festoso, amichevole, conciliante, dice al fedele come deve procedere passo per passo per raggiungere – se non il regno dei cieli – il momento della stampa finale del documento».

MAC: DIRITTO ALLA SALVEZZA PER TUTTI

Secondo l’intellettuale il sistema operativo della Apple è «catechistico, l’essenza della rivelazione è risolta in formule comprensibili e in icone sontuose. Tutti hanno diritto alla salvezza» (www.macitynet.it, 22 febbraio).

DOS: CALVINISMO ED ERMENETUTICA

Il Dos è invece «protestante, addirittura calvinista». Perché «prevede una libera interpretazione delle scritture, chiede decisioni personali e sofferte, impone una ermeneutica sottile, dà per scontato che la salvezza non è alla portata di tutti». Per far funzionare il sistema «si richiedono atti personali di interpretazione del programma: lontano dalla comunità barocca dei festanti, l’utente è chiuso nella solitudine del proprio rovello interiore».

LO “SCISMA ANGLICANO” DI WINDOWS

Si obietterà, conclude Eco, che, col passaggio a Windows, «l’universo Dos si è avvicinato alla tolleranza controriformistica del Macintosh. È vero: Windows rappresenta uno scisma di tipo anglicano, grandi cerimonie nella cattedrale, ma possibilità di subitanei ritorni al Dos per modificare un sacco di cose in base a bizzarre decisioni».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.