Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconStile di vita
line break icon

Ex giocatore dell’NBA perdona chi gli ha ucciso la moglie

Aleteia - pubblicato il 24/02/16

“Dio è amore e mia moglie è in cielo”

Di fronte alla morte improvvisa della moglie, l’ex giocatore dell’NBA Monty Williams ha pronunciato parole molto toccanti al funerale della donna, venuta a mancare in un incidente automobilistico dopo che un veicolo ha invaso la carreggiata sulla quale viaggiava. Anche la donna alla guida dell’altra vettura è morta nell’impatto.

Ingrid Williams aveva 44 anni ed era madre di 4 figli.

“È duro per la mia famiglia, ma andrà tutto bene”, ha detto Monty Williams al funerale. “Perché Dio opera tutto per il bene. Devi solo andare avanti, non puoi arrenderti”.

“Non significa che non sia duro. Non significa che non faccia male. Non significa che non abbiamo o che non avremo difficoltà. Abbiamo bisogno del Signore, e questo è quello che mia moglie ha cercato di insegnare ogni giorno della sua vita. Credo che sia quello che abbiamo più bisogno di capire”, ha proseguito.

L’ex giocatore ha poi avuto un pensiero per la famiglia della donna che ha provocato la morte di sua moglie.

“Tutti stanno pregando per me e per la mia famiglia, e questo va bene, ma non dimentichiamo che ci sono state due vittime in questa tragedia, e anche quella famiglia ha bisogno di preghiere. E noi non nutriamo alcun risentimento nei confronti di quella famiglia”.

“Come gruppo, come fratelli uniti, dovremmo pregare per quella famiglia”; “non possiamo servire il Signore se non perdoniamo di cuore”.

“Non perdiamo di vista ciò che è importante”, ha aggiunto Williams. “Mia moglie è in cielo. Dio ci ama. Dio è amore. E quando usciremo di qui dobbiamo festeggiare, perché mia moglie è dove tutti dobbiamo essere”.

“Non perdiamo di vista ciò che è importante. Dio è importante. Quello che Cristo ha fatto sulla croce è importante”, ha concluso.

[Traduzione dallo spagnolo e adattamento a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
amoredioincidentemorteperdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni