Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il soldato salvato da san Michele durante la guerra in Corea

Pixabay.com/Public Domain
Condividi
Nel 1950, durante la guerra di Corea, ci fu un salvataggio angelico a favore dei marines americani. Lo racconta don Marcello Stanzione in “Contatto con gli angeli custodi” (Sugarco Edizioni)

LA STORIA DI MICHELE

Si sente spesso parlare di militari in guerra miracolati. In effetti una presenza angelica, quella di San Michele, si è rivelata determinante in più di un caso. Questo forse è il più emblematico. La storia di questo ragazzo di nome Michele è autentica ed è riportata in una lettera che lui stesso scrisse alla madre e che fu letta dal cappellano militare.

DEVOTI ALL’ARCANGELO

Prima di partire per la Corea, scrive alla madre, «mi raccomandasti di dire ogni giorno una preghiera a San Michele. In effetti, l’ho sempre fatto. Ma quando mi hanno mandato in Corea l’ho pregato ancor più fortemente (…) Un giorno mi trovavo con la mia pattuglia in avanscoperta in prima linea. Avevamo esplorato la zona per scovare guerriglieri nord-coreani».

QUELLO STRANO COMPAGNO

Durante l’ispezione Michele si ritrova affiancato da un altro componente della pattuglia che non conosceva. Si chiamava Michele come lui. «La neve iniziò a cadere con grandi fiocchi. In un batter d’occhio il paesaggio era come cancellato. Io marciavo in una nebbia bianca e umida con la neve che si attaccava sotto gli scarponi. Il mio compagno non c’era più. “Michele!”, chiamai tutto allarmato. Subito sentii la sua mano sul mio braccio, la sua voce era calda e forte. “Smetterà subito di nevicare”. La sua profezia si avverò. In pochi minuti smise di nevicare. Spuntò il sole, che aveva l’aspetto di un grande disco luminoso».

IMMERSI NELLA NEVE

Michele si gira per vedere il resto della pattuglia. Non c’era nessuno. «Avevamo perso tutti gli altri durante la nevicata. Quando arrivammo in cima alla collina guardai avanti. Mamma, il mio cuore s’arrestò! Lì erano in sette! Sette guerriglieri comunisti con le loro giacche, i pantaloni imbottiti e i loro ridicoli copricapo (…) “A terra, Michele”, gridai buttandomi sulla terra ghiacciata. Sentii i fucili sparare contemporaneamente su comando». 

LA SPARATORIA 

Eppure quell’uomo resto’ in piedi ma non fu trapassato dalle pallottole. «Era lì in piedi… e non fece alcun cenno di voler rispondere al fuoco. Forse ero in preda a uno shock, perché mi sembrava di vedere Michele davanti a me di nuovo in piedi… solo che questa volta il suo volto era circondato da una luce insopportabilmente abbagliante. Sembrava che si trasformasse mentre lo osservavo. Divenne più grande, le sue braccia si allargarono. Nella sua mano teneva una spada… una spada che brillava di milioni di luci. Ecco, questa era l’ultima cosa di cui mi ricordo, fino a quando gli altri compagni non mi trovarono»

“QUI NON C’E’ NESSUN MICHELE”

Michele racconta ai compagni del nemico con il quale si era imbattuto insieme al compagno di pattuglia. “Dov’è Michele?”, chiesi. Si guardarono attoniti. “Dove è chi?”, chiese uno di loro. “Michele, Michele… il grande marine, con il quale ho marciato poco prima della tormenta di neve”. “Ragazzo mio – disse il sottufficiale – non hai marciato con nessuno. Non ti ho perso di vista neanche per un momento. Ti sei avventurato troppo in avanti! Stavo per richiamarti quando poi sei scomparso nella bufera di neve”».

 

ACQUISTA QUI IL LIBRO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.