Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconStorie
line break icon

L’infermiera che adotta i bambini con malattie terminali

Hypeness - pubblicato il 19/02/16

Ha già 8 figli biologici, ma nel suo cuore c'è posto per molti altri

Cori Salchert ha già OTTO figli biologici, ma non sembra un problema per questa infermiera che offre una grande lezione di vita. Adotta molti altri bambini – tutti in stato terminale, provenienti da famiglie in condizioni disagiate che non avrebbero la possibilità di sostenerli. Cori dà amore e affetto a tutti, anche se è solo per poco tempo.

La sua casa è diventata nota come “casa della speranza”, e lei e il marito Mark si prendono cura dei neonati ai quali sono stati diagnosticati pochi giorni di vita. Tutto è iniziato quando hanno adottato la prima bambina, Emmalynn, vissuta per appena 50 giorni. Cori ha raccontato che ha provato un amore incondizionato e che da allora vive per amare. È questa la sua missione.

“Quando mia sorella più piccola, Amie, era piccola, ha contratto la meningite. Dopo la febbre alta a causa dell’infezione, un po’ delle sue funzioni cerebrali è venuto meno, e lei è rimasta handicappata a livello mentale e fisico. Dopo di questo, è andata a vivere in una casa per bambini”, ha riferito a Today.

Quando Amie aveva 11 anni, è affogata in un piccolo stagno nella casa in cui viveva, senza che ci fosse nessuno che poteva soccorrerla.

“Fa molto male quando questi bambini muoiono, ma i nostri cuori sono come vetrate fatte di vetri spezzati che si ricompongono, e queste vetrate sono ancora più forti e belle proprio perché sono state spezzate”.

Cori e Charlie

cori6

Cori e la figlia Mary Elizabeth, 18 anni, mentre baciano Charlie

cori5

Jonathan, 25 anni, figlio di Cori, con la piccola Emmalynn

cori4

Mark e Charlie

cori3

La figlia Emily, 14 anni, e Charlie

cori2

Cori e la figlia Johanna, 22 anni, mentre fanno il bagno a Charlie

cori1

Tutte le foto: ©Cori Salchert

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
malati terminalineonati

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni