Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconArte e Viaggi
line break icon

Le radici di “Risorto” sono in Iraq

Diane Montagna - Aleteia - pubblicato il 19/02/16

Guarda la seconda parte della nostra intervista: la storia del produttore esecutivo Pete Shilaimon

Pete Shilaimon, produttore esecutivo del film Risorto, è uno dei molti iracheni fuggiti dalla patria per vivere la propria fede senza doversi nascondere. Questa è la sua storia (QUI la prima parte dell’intervista).

Diane Montagna: Dicci di più sulla tua famiglia. Hanno lasciato l’Iraq quando tu eri ragazzo?

Pete Shilaimon: Si, avevo cinque anni. Siamo scappati per due ragioni principali. La prima era il regime di Saddam. All’epoca l’Iraq stava per entrare in guerra con l’Iran. E la seconda ragione è stata la libertà religiosa. Siamo caldei e per noi è stato molto difficile vivere la fede al cento per cento senza nasconderla.

Questa era la storia: ero molto piccolo, mia madre ed io uscimmo a prendere del cibo. A quattro o cinque anni i ricordi sono quelli che sono. Ma ciò che ricordo e che ho visto mi ha sconvolto. Eravamo andati a comprare del cibo o qualcos’altro e avevamo con noi dei crocifissi. Mia madre ne aveva uno, che uscì fuori…

La sua collana…

Sì, e l’ha nascosta. Già da piccolo mi veniva detto: “Nascondila”, che per un bimbo di cinque anni fa alquanto strano. Ma fu allora, tornando verso casa, che fu presa a sassate. Doveva costantemente nascondere la sua fede. I miei genitori non volevano continuare a vivere nella paura e nascondere la fede. Oggi sono orgoglioso di indossare il crocifisso, cosa che non potrei fare in molti paesi. Siamo davvero liberi qui, possiamo essere noi stessi.

Sei stato testimone della lapidazione di tua madre a cinque anni.

Sì, è un ricordo che non potrò… È un ricordo che penso nessuno possa mai rimuovere dalla mente. Anche i miei fratelli e le mie sorelle sono qui, e anche loro hanno molti ricordi brutti. È stato proprio un momento devastante, sì che lo è stato. Arrivare in America e trovare la nostra libertà è stato come recuperare la possibilità di far sentire la nostra voce. Fa male vedere tuttora il problema dei rifugiati dalla Siria e dall’Iraq. Due miei zii sono scappati. Uno è in Turchia, l’altro in Germania. Hanno perso tutto. È molto dura. La storia si ripete e siamo sempre allo stesso punto.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
cinemacristiani perseguitatiiraqrisorto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni