Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mio figlio ha un handicap. Perché proprio io?

© https://www.facebook.com/GaspardentreTerreetCiel/
Condividi

“Perché lei? È tanto felice!” – “Proprio per questo”

Quest’anno, circa 100.000 donne diventeranno mamme di bambini portatori di handicap. Vi siete mai chiesti come Dio “scelga” le donne che avranno dei bimbi con handicap?

Me lo sono chiesto anch’io, e a volte immagino Dio che si affaccia sulla terra per scegliere le artefici del suo amore con la massima cura e il più grande discernimento.

Osserva e detta le istruzioni agli angeli che lo accompagnano, che le annotano su un enorme registro.

“LÓPEZ, Matías, figlio. Santo patrono: San Mattia”.

“MORUNO, Cecilia, figlia. Santa patrona: Santa Cecilia”.

Poi cita un altro nome, e con un sorriso dice a uno dei suoi angeli: “Dalle un figlio portatore di handicap”.

L’angelo chiede stupito: “Perché lei, Signore? È tanto felice!” “Proprio per questo”, risponde Dio. “Perché dovrei dare un bambino con handicap a una madre che non conosce la gioia della vita, che non sa ridere né sorridere? Sarebbe troppo crudele per il bambino!”

“È vero, sarebbe crudele, ma credi che avrà abbastanza pazienza?”, insiste inquieto l’angelo.

“Non voglio che abbia troppa pazienza, altrimenti finirà per arrendersi, affogherà in un oceano di disperazione e non smetterà mai di provare pena per se stessa. Vedrai, una volta passato il primo impatto per la notizia dell’handicap, si riprenderà presto. Ieri l’ho osservata, ha un certo senso di orgoglio e di indipendenza che in una madre è tanto raro quanto necessario. Il bambino che le invierò vive nel proprio mondo. Lei dovrà fare il necessario per portarlo nel suo, e non sarà facile. Ma io veglierò su di lei tutti i giorni”.

“È davvero perfetta. Ha autostima sufficiente per riuscirci”.

Allora l’angelo resta perplesso: “L’amor proprio è una virtù?” Dio fa cenno di sì.

“Se ogni tanto non riesce a separarsi dal bambino non sopravvivrà. Sì, ecco una donna alla quale farò il favore di dare un bambino imperfetto. Ancora non se ne rende conto, ma è fortunata. Non darà mai niente per scontato. Niente sarà banale o ordinario per lei. Quando suo figlio dirà ‘mamma’ per la prima volta, per lei sarà come assistere a un miracolo. Quando descriverà un albero o un tramonto a suo figlio cieco, vedrà la mia creazione come poche persone l’hanno vista. Permetterò che veda chiaramente le cose come le vedo io: l’ignoranza, la crudeltà, i pregiudizi… e le permetterò di essere al di sopra di tutto questo. Non sarà mai sola. Io sarò al suo fianco ogni minuto della sua vita, perché farà il mio lavoro bene come se fosse qui accanto a me”.

“E la sua santa patrona?”, chiede l’angelo. Dio sorride: “Uno specchio sarà sufficiente”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.