Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 12 Maggio |
home iconChiesa
line break icon

Sei motivi per cui il cristianesimo progressista è lontano da Gesù

Shutterstock/Pathdoc

Unione Cristiani Cattolici Razionali - pubblicato il 14/02/16

Benedetto XVI aveva più volte accennato ai “cattolici adulti”, coloro che non danno «più ascolto alla Chiesa e ai suoi Pastori, ma scelgono autonomamente ciò che si vuol credere e non credere – una fede “fai da te”, quindi. E lo si presenta come “coraggio” di esprimersi contro il Magistero della Chiesa. In realtà, tuttavia, non ci vuole per questo del coraggio, perché si può sempre essere sicuri del pubblico applauso. Coraggio ci vuole piuttosto per aderire alla fede della Chiesa, anche se questa contraddice lo “schema” del mondo contemporaneo».

Riteniamo sia stato però Papa Francesco a prendere una posizione molto più netta rispetto a quelli che lui chiama“progressisti”, coinvolgendo nella critica anche i “tradizionalisti”, che stanno sulla barricata opposta. Un intero capitolo del nostro dossier su Francesco è dedicato alle decine di suoi interventi contro le tentazioni del progressismo adolescenziale e del tradizionalismo neo-pelagiano.

E’ recente la decisione della Chiesa anglicana di “sospendere” per tre anni la Chiesa episcopale statunitense (Tec), branca della Chiesa anglicana in America, poiché ha ufficialmente aperto al matrimonio religioso per le coppie omosessuali. Padre Dwight Longenecker, sacerdote cattolico e cappellano di una scuola negli Stati Uniti, ne ha approfittato per scrivere un articolo sul “cristianesimo progressista”, spiegando le sue criticità. Addirittura scrivendo: «Il vero spartiacque nel cristianesimo oggi non è più tra protestanti e cattolici, ma progressisti e cristiani storici». Ma ha anche aggiunto: «guardando la dinamica del cristianesimo progressista, entro la fine di questo secolo sarà morto». Non siamo così ottimisti che tale fenomeno sia destinato ad estinguersi, abbiamo comunque preso spunto dalle sue parole per elencare quelle che noi riteniamo essere gravi decadimenti della nostra fede cristiana.

1) EMANCIPAZIONE. Per li progressismo la religione è semplicemente una questione di lotta per la parità dei diritti, per rendere il mondo un posto migliore, essere gentile con tutti e, al massimo, “spirituali”. Non ci vuole molto tempo a rendersi conto che non c’è affatto bisogno di andare in chiesa per questo. La prima generazione di cristiani progressisti sarà presente regolarmente in chiesa, la seconda vi andrà a volte, la terza quasi mai. La quarta e quinta non vedrà alcuna necessità di andarvi. Se la religione non è altro che ecumenismo e opere equo-solidali, la liturgia ecclesiale risulterà ridondante. Chi cade in questa tentazione si sente emancipato dal soprannaturale, dalla salvezza delle anime, dalla redenzione dal peccato, dal paradiso, dall’inferno, dall’Aldilà, dagli angeli e da Satana. Si provi a chiedere ad un Vito Mancuso, un Alberto Melloni o un Massimo Faggioli perché si dovrebbe andare in chiesa. Vi risponderà che non ce n’è bisogno, che il miracolo-dogma della transustanziazione è, semmai, simbolico. Il peccato non esiste e nessuno lo commette se non si partecipa all’Eucarestia, a Dio non interessa. L’importante è che non ci siano guerre e che si coltivi la propria spiritualità, anche a casa propria.

2) SPIRITUALITA’ INDIVIDUALE. Il cristianesimo progressista è essenzialmente individualista e non comunitario, la presenza del soggettivismo e del sentimentalismo è molto forte, si favorisce una spiritualità individuale e si forniscono risposte sentimentali alle questioni morali. Esiste per questo un attrito verso una dottrina standardizzata, come quella del Magistero della Chiesa, e c’è avversione ai dogmi cattolici. L’evangelizzazione è anch’essa vista come una forma di proselitismo irrispettoso, di violazione della libertà altrui per cui si preferiscono forme di sincretismo, coltivando la propria fede generica, le proprie esperienze emotive e un impegno religioso formale.

  • 1
  • 2
Tags:
chiesa cattolicamodernismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
ROSES, TERESA LISIEUX
Annalisa Teggi
Novena delle rose, 5 storie di chi ha ricevuto una carezza da San...
7
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni